Mascherine in cambio di cibo, banchetto solidale delle nonne di San Giuseppe | Password Magazine
Festival Pergolesi

Mascherine in cambio di cibo, banchetto solidale delle nonne di San Giuseppe

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

SAN GIUSEPPE

 

JESI – Mascherine in tessuto in cambio di cibo. É l’iniziativa di trenta nonne di San Giuseppe che da poco più di un mese, all’interno dei locali parrocchiali, cuciono e ricamano mascherine da donare ai bambini delle scuole cittadine. Loro che, da 40 anni, insegnano l’arte dell’ago e filo a bambini e bambine e che, in assenza quest’anno del centro estivo causa covid, hanno deciso di non rimanere con le mani in mano. Ogni lunedì, dalle 18 alle 19, le signore allestiscono un banchetto all’aperto, davanti ai locali parrocchiali, scambiando mascherine con pacchi di pasta e cibo da raccogliere e destinare alle famiglie meno abbienti del quartiere: «Una sorta di baratto – spiegano le due sarte Maria Pia e Velma, in rappresentanza del gruppo – dove non chiediamo soldi ma generi alimentari e di prima necessità per chi ne ha bisogno, soprattutto in questo periodo difficile».

WhatsApp Image 2020-07-06 at 18.48.44 (1)

Un’iniziativa che è anche socializzazione e integrazione, che unisce intorno a un filo tante donne, differenti per età e origine ma tutte con gli stessi valori di solidarietà e amicizia.  Ad affiancarle nelle attività anche giovani ed ex allieve che non perdono l’occasione, ogni volta, per imparare qualcosa in più su ago e filo. «Ogni giorno ci riuniamo qui, nei locali della parrocchia di San Giuseppe e, a testa bassa confezioniamo tutte insieme le mascherine in tessuto per donarle ai bambini e metterle a disposizione delle scuole per quando riapriranno a settembre».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.