Massaccesi (Jesiamo): "Il candidato sindaco Lucaboni attacca Bacci e copia Lega" | | Password Magazine

Massaccesi (Jesiamo): “Il candidato sindaco Lucaboni attacca Bacci e copia Lega”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – “Lucaboni mi chiama spesso in causa, pur essendo io un semplice candidato a Consigliere Comunale, cercando di denigrarmi, non si sa per quel motivo, ed invece di argomentare la propria tesi e la propria posizione, che dovrebbe essere antagonista a quella di Pirani ed Animali, e finora in verità non è emersa, attacca soprattutto Bacci ed in qualche modo, poi, anche la candidata della Lega, Gregori.”

Così il presidente del Consiglio comunale Daniele Massaccesi, candidato Jesiamo, attacca il candidato di Libera Azione Jesi Massimiliano Lucaboni: “Forse sotto il peso di una candidatura imprevista, quasi auto-promossa, o forse perché gli duole, da Segretario di Forza Italia, nascondersi e camuffarsi a Jesi in una lista civica – ma perché non ha il coraggio di sventolare la bandiera di Forza Italia, senza ipocrisie? -, usa spesso toni e parole piombati da una sorta di oscurantismo, a volte in vero anche preoccupante, e dalla volontà di premere a fondo solo sul tasto del “NO” a tutto (un programma elettorale fondato esclusivamente sulla avversione – la chiamiamo così? – agli extracomunitari e sullo stravolgimento della verità e tesa è plausibile e credibile?)”.

“La sua lista “mascherata” – si legge in una nota stampa – in vero, poco civica e molto poco aperta alle nuove realtà e quasi tesa solo ad instillare paure e diffidenze, ha tracciato un quadro della città dopo 5 anni dell’Amministrazione Bacci che solo Lucaboni si è rappresentato: ma forse, negli anni trascorsi, Lucaboni si è distratto e non si è accorto di quanto è stato fatto per gli iesini, per gli italiani indigenti, ed in genere anche per tutti coloro che vivono a Jesi, che qualcuno, magari, prenderebbe a calci.
Sarebbe auspicabile sentire qualche riflessione diversa da parte di quello che, comunque, è un grande partito popolare, Forza Italia, già liberal-democratico, od almeno questi erano i principi fondanti, e del Segretario locale di Forza Italia (lo è ancora?), sentire qualche idea programmatica vera ( non i soliti slogans), avere un parere sulla vicenda Banca Marche e sul ruolo della Fondazione Carisj, sull’azione dell’ASP, sull’ambiente, sulla qualità della vita, in materia di urbanistica, sull’organizzazione della “macchina” comunale, sui diversi temi sociali ed etici che pure interessano la nostra città, mettendo da parte il livore contro l’Amministrazione Bacci, forse esagerato o magari solo strumentalmente usato ai fini elettorali, e qualche volta attenuato da velati agganci a possibili incarichi di responsabilità, peraltro giustamente respinti dall’attuale Sindaco.
Un ultimo suggerimento a Lucaboni: non cerchi di copiare su molti temi la Lega, perchè in generale, e quindi non solo in politica, l’originale è sempre meglio della copia”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.