Massaccesi (Jesiamo): "Una riflessione sulla sanità marchigiana" | Password Magazine

Massaccesi (Jesiamo): “Una riflessione sulla sanità marchigiana”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Si pubblica di seguito la nota stampa inviata da Daniele Massaccesi, Candidato Consigliere Comunale per Jesiamo:

“Una riflessione sulla sanità marchigiana. Perché no? Copiamo nelle Marche, se efficace, e se non si è in grado di fare meglio, quella che viene prospettata come la rivoluzione della sanità nel Lazio, basata su alcuni elementi:

  • Viene prevista la massima collaborazione di tutti i protagonisti della sanità, medici di famiglia in testa, che, oltre al resto, avranno il ruolo di «ufficio prenotazione» di visite ed esami specialistici per i malati cronici.
  • Le liste di attesa: dopo la previsione, da parte di precedenti diversi provvedimenti, della priorità degli appuntamenti a seconda dell’urgenza, con uno scaglionamento che evidentemente non è stato però rispettato, con il rischio per un malato oncologico di dover rimandare la radioterapia e di vedersi congedato con uno «Spiacenti, liste chiuse, richiami il prossimo anno», saranno previsti, per i nuovi pazienti, quattro gradi di urgenza, indicati dal medico di famiglia – urgente (entro 72 ore), breve (10 giorni), differibile (30 giorni per le visite, 60 per esami strumentali), programmata (entro 180 giorni) -.
  • Nel pacchetto delle attese da sforbiciare ci saranno alcuni – e ben individuati – esami ecografici e le visite di oculistica, dermatologia e cardiologia. I malati già in cura, ad esempio i cronici, usciranno dallo studio del loro medico con data, ora e luogo dell’appuntamento e risulteranno quindi come «presi in carico».
  • Uno dei grimaldelli della riforma è l’“intramoenia”, l’attività professionale privata del medico in ospedale: se le liste di attesa dovessero superare i paletti indicati, il cd. secondo binario verrebbe bloccato fino al rientro nei tempi «istituzionali».

Se davvero questa strategia verrà applicata, e se la sanità laziale potrà girare in positivo la boa del cambiamento, e così come segno del funzionamento della riforma, perché … non applicarla anche alle Marche?

Dai medici di famiglia si attende evidentemente un cambio di passo, una scelta di orgoglio e la volontà di collaborare e di essere nel contempo punto centrale e fondamentale della riforma, confidando nella loro professionalità, che potrebbe vederli anche coinvolti in modelli innovativi, così da contribuire a superare l’annoso problema dell’intasamento del Pronto Soccorso.

Di più: perché non mutare i fondamentali che guidano le politiche sanitarie? La continua erosione di personale qualificato all’interno delle strutture pubbliche impedisce che le strumentazioni diagnostiche lavorino a pieno regime. L’obbiettivo sembra essere quello, da una parte, di ridurre i costi del personale delle strutture sanitarie pubbliche e, dall’altra, di incrementare le convenzioni con i centri privati. Se, apparentemente, sembra una sorta di equilibrio di “vasi comunicanti”, si arriva in realtà a tradire il dettato costituzionale che intravede nella Sanità una Funzione Pubblica, con una sorta di viatico per una sempre maggiore privatizzazione della sanità e per il superamento del sistema pubblico.

Perché non fare come il Veneto – altro esempio che funziona -, potenziando le strutture diagnostiche pubbliche, assumendo personale e facendo funzionare le stesse su tre turni? È veramente impossibile farlo anche nelle Marche? Non si arriverebbe ad abbassare così decisamente i tempi delle liste di attesa?”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.