Massaccesi su Banca Marche: "Sarà compito della Magistratura individuare "un" responsabile" | | Password Magazine
Banner4Baffi

Massaccesi su Banca Marche: "Sarà compito della Magistratura individuare "un" responsabile"

JESI – Di seguito riportiamo una nota stampa arrivata dal Presidente del Consiglio comunale di Jesi Daniele Massaccesi:

“Nella relazione della Commissione di Studio “Banca delle Marche” si parla di responsabilità: di chi è, però, questa responsabilità? Non è giusto puntare il dito su “un” responsabile, o comunque non rientra negli scopi della Commissione tentare di individuarlo, e semmai è compito della Magistratura, che ha scopi, mezzi e capacità più appropriati: durante i suoi lavori, la Commissione si è trovata di fronte ad uno scenario di “responsabilità diffusa”, in cui molti attori hanno avuto un ruolo, chi fattivo, nel senso di contributo determinante al depauperamento di un patrimonio, quale quello di Banca delle Marche, con scelte rivelatesi evidentemente sbagliate, anzi drammaticamente sbagliate, chi silente od omissivo per non aver comunque impedito la distruzione di quel patrimonio, per non aver vigilato, per non aver controllato, per non aver evitato quello scempio, provocato magari anche da incompetenza (ma chi doveva controllare?), da scelte e criteri di gestione sbagliate (ma oltre a colpevolizzare, ovviamente, chi le ha fatte, chi poteva impedirle?), per non essere intervenuto con decisione prima dell’irreparabile (ma quale è stato il ruolo di attento controllore o di “vigilante”, secondo le specifiche competenze, di Banca d’Italia, di Consob, del Ministero delle Finanze, del Governo?), per non aver cambiato strategia, sia “industriale” od aziendale che di investimento “personale” (ma perché le Fondazioni hanno, nella quasi totalità, assistito quasi pavidamente alla loro spoliazione, se non contribuendovi?).

Emblematico è il “detto / non detto”, il “fatto / non fatto” che traspare anche dalla semplice ma attenta lettura di quattro documenti fondamentali (lettera 28/12/2011 da Banca d’Italia a Consob; lettera 09/01/2012 da Banca Italia a Banca Marche; lettera 07/02/2012 dal Presidente del C.d.A. di Banca delle Marche agli azionisti in occasione dell’aumento di capitale sociale del 2012; prospetto informativo redatto da Banca delle Marche ed approvato da Consob per l’aumento di capitale sociale del 2012: tutte occasioni utili per dire, da parte di chi era legittimato  od aveva ben precisi compiti e responsabilità, anche per il ruolo rivestito, ciò che doveva essere detto in modo forte ed univoco, e per compiutamente e doverosamente informare chi veniva chiamato ad effettuare nuove operazioni od investimenti, e che sono rimaste invece delle vuote occasioni, in cui si è preferito esplicitare qualcosa, ma in modo ermetico, se non indecifrabile, quando non espresso in modo tendenzioso, od addirittura sottacendo la gravità di accadimenti e dei rilievi fatti da Banca d’Italia .

Una responsabilità diffusa, si è detto,  con cui non si vuole certamente “annacquare” o suddividere, così riducendole, le responsabilità particolari, ben presenti, ma che vuole sottolineare anche  la estrema fragilità di un sistema, rivelatosi pernicioso, probabilmente impreparato a certi eventi, e certamente aggravato da precisi e censurabili comportamenti individuali: un “sistema” che, nel corso degli anni, produceva accentramento di risorse e quindi di potere, e che ha agito seguendo logiche troppo spesso autoconservative, anche quando è apparsa chiara la sua insostenibilità, con la conseguenza di vedere poi tutte le ricadute gravanti in modo totalmente negativo solo sui risparmiatori e sui territori.

Le  stesse Fondazioni – principali azioniste della Banca – (e fra queste la Fondazione CARISJ, che ha perso, ergo praticamente dilapidato, di fatto tutto il proprio patrimonio, già notevolmente esposto in investimenti in Banca delle Marche, di cui oltretutto conosceva le criticità), hanno peccato, nel tempo, di una certa indulgenza verso risultati di gestione che contribuivano a portare ricchi dividendi, e ciò a scapito di un controllo e di una verifica che avrebbe dovuto avvenire sia attraverso i Consiglieri di Banca delle Marche, peraltro da loro espressi, che attraverso i rispettivi organi statutari, sui criteri e sui metodi di gestione, di amministrazione e di redazione dei vari bilanci degli esercizi sociali di Banca delle Marche, chiusi in attivo, ma “sottovalutati”, o comunque letti con un eccessivo “entusiasmo”, e comunque senza la lente del necessario rigore o della dovuta prudenza.

Gli ultimi comportamenti e decisioni della Fondazione CARISJ, quali l’adesione e la relativa sottoscrizione del prestito subordinato emesso da Banca delle Marche a giugno 2013, si sono rilevati drammaticamente negativi, e sono successivi ad altri comportamenti pure caratterizzati da forti criticità, quali la non diversificazione degli investimenti e la sottoscrizione, nel tempo, di aumenti di capitale sociale di Banca delle Marche.

Seppure il nuovo investimento poteva sembrare allettante in considerazione dell’alto tasso di rendimento previsto, non potevasi non considerare che, in realtà, ciò era sintomo, nello stesso tempo, anche di un alto rischio: stupisce e sorprende peraltro come nessuna conseguenza pratica, o l’esigenza di adottare decisioni conseguenti, per le scelte fatte, rivelatesi oltretutto pesantemente pregiudizievoli per il patrimonio della Fondazione, sia derivata da parte di chi quelle scelte ha fatto, e che in una normale società per azioni sarebbero del tutto naturali ed attese.

Ora ognuno si dovrà assumere la propria responsabilità, penale, civile, morale del proprio operato e dovrà rispondere alla domanda se ha fatto fino in fondo il proprio dovere: la Magistratura, in primis, e chi ha comunque il dovere istituzionale di farlo, e senza ritardi “pericolosi”, ha il preciso compito di dare chiare ed univoche risposte a chi, pur nella complessità della situazione, dopo essere stato danneggiato nel proprio patrimonio e nei propri risparmi, le pretende, e che, inquadrata la vicenda in ambito penale, potrebbe considerare come uno schiaffo la temuta “prescrizione””

 Comunicato da: Daniele Massaccesi

                                        Il Presidente della Commissione

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.