Massimiliano Lucaboni (FI) attacca PRC Jesi: "Smettiamo di richiamare fantasmi del passato" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Massimiliano Lucaboni (FI) attacca PRC Jesi: "Smettiamo di richiamare fantasmi del passato"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – “Segnali preoccupanti da destra, a partire dai volantini di chi cerca il consenso scegliendo la facile strada dell’istigazione alla guerra tra poveri in nome di un ordine che evoca gli orrori del secolo scorso, fino ad arrivare alle ronde notturne nelle zone critiche, che vengono definite semplici “passeggiate”, ma che passeggiate non sono. Ci si chiede: chi autorizza questi figuri a sostituirsi alle forze dell’ordine già preposte?”

Sono le parole della sezione di Rifondazione Comunista di Jesi che dichiara “di non è essere ignara di quanto sta accadendo e ribadisce con fermezza la sua natura antifascista,ricordando ancora una volta che la situazione di criticità che vive la nostra città non si risolve né ghettizzando, né alimentando odio e divisione”.

“Non saranno le passeggiate notturne o il far leva sulla necessità di soddisfare “prima gli italiani” che questa città, e con essa l’Italia intera, arriveranno ad una soluzione”, si legge in una nota e poi un appello: “Nel ricordare ancora una volta che non è puntando il dito verso il migrante che usciremo dalla profonda crisi che ci attanaglia e che il nemico non è lo straniero ma è al governo, Rifondazione Comunista lancia un appello a tutte le forze che si dicono antifasciste. Fate sentire la vostra voce, aiutateci a ribadire alla comunità che volantini razzisti e passeggiate fasciste a Jesi non avranno né radici né futuro”.

A queste parole non è rimasto indifferente il coordinatore cittadino di Forza Italia Massimiliano Lucaboni che, tramite nota stampa, ha deciso di rispondere: “Bene tra quest pericolosi segnali sono stati anche inseriti i miei volantini, dove l’unica cosa che chiedevo era che i cittadini residenti da sempre, noi jesini insomma, fossimo trattati non meglio ma come gli altri cittadini extracomunitari che vivono in città. Insomma è razzista chiedere di cambiare il regolamento che assegna le case popolari dove è visibile a tutti che oggi c’è una disparità a favore delle famiglie extracomunitarie? E’ razzista chiedere che non sia concessa solo ai figli di famiglie extracomunitarie mensa e trasporto gratuito nelle scuole, ma che invece si riveda il sistema di modo da favorire tutte le famiglie in difficoltà non solo quelle straniere? E’ razzista chiedere che nei tre quartieri più a rischio in città venga garantita maggiore sicurezza e sopratutto vengano evitate ulteriori costruzioni che aggraverebbero un problema già grave in città? Bene se tutto questo è razzista chiamatemi pure così se tutto questo è solo un modo affinchè tutti, comprese le tantissime famiglie jesine in difficoltà, riescano ad essere aiutate, assistite allora cari ” compagni” smettiamo di richiamare fantasmi del passato e parliamo di cose serie se dopo 35 anni del vostro governo cittadino che hanno distrutto il tessuto sociale e culturale della nostra città ne siete capaci”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.