Matteo Marasca: “Il Pd? Non c’è più, non c’è stata partita e non c’è stato partito”

JESI –  Ha le idee chiarissime Matteo Marasca sul Pd.

Il partito non c’è più in città. La sua presenza? Non pervenuta. Ora occorre fare scelte coraggiose, azzerare e ripartire. Non c’è stata partita e non c’è stato il partito”. Dal 45 per cento delle regionali al 15 più il 2 per cento della lista d’appoggio. Due civiche – tra le quali una di recente costituzione – che hanno preso di più.

Non bastano le dimissioni del segretario, Pierluigi Santarelli, dopo la storica batosta, “qui bisogna assumere una posizione chiara e netta –  incalza Marasca, ex capogruppo consiliare – e quindi azzerare tutti gli organi del partito: segreteria, direzione, Unione comunale”. Tutti gli organi, cioè, che vengono eletti dopo i congressi, insomma.

E del congresso c’è un bisogno estremo, subito dopo l’estate “intanto un traghettatore, nelle vesti di commissario, come potrebbe essere lo stesso Stefano Bornigia se verrà deciso nella riunione di mercoledì 28, va bene. Ma le sue funzioni debbono essere chiare e ben delineate: andare, appunto, al congresso tra 4-5 mesi”.

Qualcuno, comunque, aveva proposto di fare subito alle primarie “ma ci sono problemi tecnici. Il congresso mi sembra la linea giusta da tenere e le primarie debbono essere una regola visto che si sceglie anche il segretario nazionale così. Se le avessimo fatte, come propugnavo, probabilmente avremmo perso ugualmente questa tornata ma sarebbe stato un chiaro segnale all’esterno che si stava cambiando, un collegamento con la città e i nostri elettori””.

A proposito di segretario, Marasca si proporrebbe “se si ritenesse che la mia figura possa essere ideale a ricoprire il ruolo. Siamo in un momento complicato e difficile e il segretario, attraverso le primarie, deve essere espressione di una maggioranza chiara. No a soluzioni con candidati unitari che poi vengono sistematicamente bloccati nel loro agire dai veti interni”.

L’incontro si svolge al circolo Arci di Minonna che sancisce il rientro dopo il passo indietro, annunciato in un altro circolo, l’11 febbraio scorso, a San Giuseppe.

“Due quartieri storici, pieni di iniziative e di persone abituate a riflettere e parlare su bisogni ed esigenze. La gente che il partito non ha saputo ascoltare”.

“Non ho condiviso nulla della campagna elettorale del Pd – rincara Marasca – e lo si sa, perché ci si è arrivati tardi e senza idee, senza progetto, mesi confusi che hanno portato a tutto quello che abbiamo visto. Contro Bacci andava preparata almeno 2 anni prima”.

Ma agli eletti “auguro buon lavoro, hanno un ruolo difficile e il partito dovrà affiancarli e sostenerli così come non è stato fatto con noi nei 5 anni passati”.

L’estate porterà consiglio, dunque. Sempre che il caldo non ci metta lo zampino…

Pino Nardella

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*