"Mattoni, Comunità di parole, incontri e suoni" all'Abazia di Frondigliosi | | Password Magazine
Festival Pergolesi

“Mattoni, Comunità di parole, incontri e suoni” all'Abazia di Frondigliosi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CASTELPLANIO – Proseguono fino a domenica 26 luglio all’abazia di Frondigliosi a Castelplanio, sede della Comunità Algos dell’Oikos onlus, gli eventi di “MATTONI. Comunità di parole, incontri e suoni”.

Eventi e spettacoli ad ingresso libero per costruire insieme una comunità di parole, incontri e suoni. Prosegue sabato 25 e domenica 26 luglio presso l’Abazia di Frondigliosi a Castelplanio (Via Piagge Novali 8) sede della Comunità Terapeutica Algos dell’Oikos, la tre giorni di “Mattoni, Comunità di parole, incontri e suoni”, manifestazione organizzata dalla Fondazione Pergolesi Spontini, dall’Oikos onlus e dal Social Opera Team della Fondazione, con il patrocinio del Comune di Castelplanio. In programmasabato 25 luglio dalle ore 21.30, “Le fiabe della sera”, il concerto grande “Musiche all’improvviso n. 2 “, i “Mono – luoghi estivi” e ancora “La biblioteca dei libri viventi” con Anteas ed Anfass. Chiudono la manifestazione, domenica 26 luglio alle ore 21.30, “Le fiabe della sera”, “Musiche all’improvviso n. 3”, la kermesse “Clinica celeste” e “La biblioteca dei libri viventi”.

“Mattoni” è un evento che nasce all’interno del progetto Social Opera della Fondazione Pergolesi Spontini, un progetto che conta numerose attività di promozione e sensibilizzazione verso il melodramma nel mondo delle scuole, della disabilità e del disagio sociale di Jesi e della Vallesina.

La nuova manifestazione nasce e si sviluppa attorno ad un luogo, la abazia di San Benedetto de’ Frondigliosi, divenuta sede di una comunità di recupero per tossicodipendenze. Nel corso delle tre giornate, questo spazio si apre alla comunità più vasta di tutti coloro che vorranno partecipare, nella semplicità ma anche nella suggestione di un luogo in cui avviene un incontro tra sensibilità. “Mattoni”, appunto di una casa (Oikos vuol dire casa, non a caso…) che prende forma da un percorso di condivisione e di crescita umana e culturale.

Nelle tre giornate, un gruppo di operatori del Social Opera Team, volontari dell’Oikos e ospiti della comunità lavoreranno in particolare sul tema della maternità/paternità/famiglia, un tema che la Fondazione Pergolesi Spontini sta portando avanti da qualche mese con la comunità Algos e alcuni musicisti, e che andrà in scena l’8 settembre al Festival Pergolesi Spontini in occasione di un evento dal titolo “ Stabat Mater Stabat Pater”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.