Maturità 2019 a Jesi, ecco come la stanno affrontando gli studenti | | Password Magazine

Maturità 2019 a Jesi, ecco come la stanno affrontando gli studenti

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Da sinistra Chiara, Karim e Ilenia

JESI – È ormai tempo di esami per i nostri ragazzi del quinto superiore con l’arrivo della prima prova di oggi. Ma come si saranno preparati e come avranno affrontato la classica ansia da esame?

Andiamolo a scoprire con Karim, Ilenia e Chiara.

È tempo di studio e approfondimenti per Karim lassoued che si sta preparando all’esame di maturità del Liceo Scientifico “Leonardo Da Vinci” ad indirizzo sportivo di Jesi: «Questi giorni studio più tempo possibile, anche se la stanchezza si fa sentire dopo un po’, ma studiare in gruppo aiuto. Stiamo quasi sempre in biblioteca o a casa di qualche compagno di classe». Karim non era a conoscenza delle nuove norme che regolano l’abbigliamento (vietando pantaloncini corti e infradito), ma non si è fatto trovare impreparato: «Già un’idea di come vestirmi me la sono fatta, pantaloni lunghi e abbastanza formale per andare sul sicuro». Ma non è l’outfit la sua maggiore preoccupazione: «Temo un po’ il fatto di dovermi confrontare con i professori esterni che non mi conoscono e di dover affrontare prove alquanto complicate come la seconda prova di matematica e fisica».

Ilenia Montironi, di Moie, si sta preparando ad affrontare la maturità al Liceo artistico jesino «Mannucci». Con alle spalle una carriera scolastica costellata di riconoscimenti e tanto studio, Ilenia, ex rappresentante d’istituto, è emozionata per il suo futuro: «Le materie da studiare sono tantissime e, nonostante il caldo e l’estate, mi sono preparata innanzitutto per la prima volta – dice -. Spaventa un po’ il nuovo esame con la busta, che dire.. speriamo di pescare bene!». E sulle norme che disciplinano l’abbigliamento aggiunge: «Comunque è un esame di stato, è giusto che ci sia un po’ di rigore».

Sono giorni di studio matto e disperatissimo anche per Chiara Maffei, al quinto anno del Liceo scientifico «Da Vinci» di Jesi: «Per le prove scritte, sto riguardando tutte le materie ma soprattutto matematica e fisica, per l’orale invece sono un po’ preoccupata perché il metodo delle buste è una novità e nessuno sa come funziona – dice – Per prepararmi sto studiando principalmente in gruppo con dei compagni di classe per aiutarci a vicenda». Ma le prove non finiscono con la maturità: «Dopo l’esame, avrò modo di pensare all’università visto che dovrò tentare il test per iscrivermi a architettura».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.