Media Vallesina, approvato il regolamento del servizio di Protezione civile | Password Magazine
Festival Pergolesi

Media Vallesina, approvato il regolamento del servizio di Protezione civile

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

L’Unione dei Comuni ha approvato il regolamento del servizio di coordinamento in materia di Protezione civile. I vari gruppi comunali avranno adesso un punto di riferimento unico e un unico coordinatore, Lorenzo Mazzieri, nominato dal presidente dell’organismo sovracomunale Sandro Barcaglioni dopo essere stato scelto tra i coordinatori dei vari gruppi comunali.

“II regolamento disciplina – spiega il presidente dell’Unione Barcaglioni – l’organizzazione e il funzionamento del servizio allo scopo di tutelare l’integrità del territorio e dei cittadini, di migliorare i servizi per la sicurezza del territorio e organizzare attività sovracomunali di protezione civile. L’Unione, quindi, promuove e coordina le attività e gli interventi d’intesa con i Comuni aderenti e con i gruppi comunali di volontariato costituiti in ciascun ente. Per l’esercizio della funzione di coordinamento del  servizio e per lo svolgimento delle attività di prevenzione, soccorso e superamento dell’emergenza l’Unione utilizza, oltre alle proprie risorse umane e strumentali, quelle disponibili presso i Comuni aderenti. In particolare provvede a coordinare interventi specifici nei territori comunali d’intesa con i sindaci, coordinare e razionalizzare gli acquisti di attrezzature e mezzi da impiegare in caso di calamità e da mettere a disposizione dei gruppi comunali di protezione civile, acquistare ulteriori attrezzature di cui non sono dotati i Comuni aderenti, costituire ed aggiornare, in collaborazione con i Comuni, una banca dati degli appartenenti ai gruppi comunali di protezione civile e dei loro recapiti telefonici. Ma non solo. L’Unione si occuperà anche di promuovere e coordinare le esercitazioni e le prove simulate di emergenza intercomunali, la redazione e l’aggiornamento dei piani comunali di protezione civile, oltre ad incentivare la formazione di una moderna coscienza della protezione civile attraverso la promozione di  programmi ed interventi educativi rivolti alla popolazione in particolar modo quella scolastica”.

Il regolamento istituisce anche il Comitato di Protezione civile dell’Unione, formato dal presidente dell’Unione o da un assessore delegato, dai sindaci o assessori delegati dei Comuni aderenti, dal coordinatore intercomunale dei gruppi di Protezione civile dell’Unione e da quelli dei gruppi dei Comuni aderenti e dal comandante della Polizia locale. I compiti del Comitato sono molteplici e vanno dal programmare le attività di formazione e addestramento dei gruppi comunali al verificare il coordinamento fra i piani di protezione civile dei Comuni aderenti. L’Ufficio di Protezione civile dell’Unione curerà, invece, i vari aspetti amministrativi.

Il coordinatore intercomunale è il principale organismo operativo dell’Unione dei Comuni. Lui e il vice-coordinatore, nominati con provvedimento del presidente dell’Unione, durano in carica per un biennio. II coordinatore dirige le attività congiunte dei gruppi comunali e assicura l’esecuzione delle direttive del presidente dell’Unione da cui dipende funzionalmente.

Al verificarsi dell’emergenza, il sindaco del luogo o chi ha assunto la direzione dei servizi di soccorso può allertare l’ufficio di protezione civile dell’Unione ed il Comitato di Protezione civile. Qualora la calamità naturale o l’evento non possano essere fronteggiati con mezzi a disposizione dei Comuni, l’Unione adotterà i provvedimenti di competenza per collaborare con i Comuni interessati.

“Il coordinamento – sottolinea ancora Barcaglioni – porterà risultati importanti sul fronte dell’efficienza e dell’efficacia degli interventi in caso di situazioni di emergenza. Non parliamo solo di terremoti, che speriamo non si verifichino mai, ma anche di eventi atmosferici eccezionali come la neve dello scorso febbraio, fino a occasioni particolari come manifestazioni di grossa portata che prevedono interventi speciali. I risultati del coordinamento si vedranno nella pronta mobilitazione dei gruppi comunali dei volontari di protezione civile, nella tempestiva informazione agli altri organi di protezione civile e nell’immediata informazione agli organi di soccorso e alle strutture sanitarie per gli eventuali interventi di loro competenza, nonché nel tempestivo impiego delle strutture e mezzi a disposizione per far fronte alla fase di emergenza e per i successivi interventi di soccorso. Il regolamento mette nero su bianco come affrontare le varie fasi di un’emergenza, ma anche i diritti e doveri dei volontari, come il fatto che devono ispirarsi ai principi di correttezza e lealtà”.

Comunicato da: Unione dei Comuni della Media Vallesina

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.