«Il 'Carlo Urbani' prima struttura Asur con maggior numero posti Covid». | | Password Magazine

«Il ‘Carlo Urbani’ prima struttura Asur con maggior numero posti Covid».

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
dav

JESI – Ottantadue posti in degenza ordinaria, 18 in area semi-intensiva, 15 in terapia intensiva: sono i posti letto Covid organizzati al “Carlo Urbani” di Jesi, a seguito di una riorganizzazione interna avvenuta per rispondere all’emergenza e al massiccio afflusso di pazienti con patologia da coronavirus provenienti dalle aree vaste 1 e 2, in assenza di alternativa ricettività da parte di altre strutture ospedaliere regionali. A fare il punto sulla situazione nell’ospedale jesino sono gli stessi direttori delle unità operative che, questa mattina, hanno preso parte a una conferenza stampa via Skype. «Il tutto è stato realizzato in tempi brevissimi – fa sapere la dott.ssa Sonia Bacelli, dirigente medico ospedaliero – grazie al coordinamento dell’Unità di Crisi presieduta dalla Direzione Medica Ospedaliera dell’Ospedale C. Urbani, e grazie alla fondamentale condivisione delle scelte da parte di tutti i responsabili di reparto». Ognuno ha garantito un indispensabile apporto nell’affrontare questa enorme ed imprevista problematica, iniziata già dalla fine di febbraio con l’accesso al Pronto soccorso di pazienti con
sintomatologia respiratoria da SARS-Covid19 e divenuta poi ancora più concreta agli inizi di marzo con il primo ricovero al Carlo Urbani di un primo caso covid positivo per cui era stato necessario procedere con intubazione presso la Terapia Intensiva di Jesi, in box isolato. «La riorganizzazione – ha detto Bacelli – ha reso il “Carlo Urbani” la prima struttura ASUR in grado di accogliere il maggior numero di degenti Covid positivi».

L’Unità operativa di Medicina Interna, diretta dal Dr. Marco Candela, è stata la prima coinvolta nella lotta alla pandemia da Coronavirus dedicando totalmente, sin dall’ultima settimana di febbraio, una figura medica con competenze infettivologiche. In ambito strettamente assistenziale, in due settimane la UOC Medicina Interna ha progressivamente coordinato e supportato l’apertura di 4 aree Covid dedicate per un totale di 76 posti letto, dedicando tuttora 6 dei 7 medici disponibili in organico al loro funzionamento e continuando anche a garantire 20 posti letto, in regime di degenza ordinaria e post-acuzie, per pazienti internistici non affetti da Covid 19.

Per quel che concerno l’area del Pronto Soccorso/OBI/MURG diretta dal Dr. Mario Caroli, incaricato dal Presidente della Regione a svolgere il ruolo di Referente Sanitario Regionale e Coordinatore del GORES, in risposta all’emergenza ha provveduto alla definizione di due percorsi differenziati per la gestione dei pazienti afferenti all’ospedale jesino dedicando personale medico, Infermieristico ed OSS in modo esclusivo a queste attività. Gli abituali ambienti del Pronto Soccorso sono stati dedicati all’assistenza di tutti i pazienti con sospetta infezione COVID 19 mentre nella struttura campale eretta all’esterno dell’ospedale, viene garantita l’assistenza di Pazienti non COVID 19 affetti da patologie tempo-dipendenti e il mantenimento dell’attività con funzione di Osservazione Breve Intensiva.

Il reparto di Terapia intensiva, diretta dal dr Tonino Bernacconi è stata implementata da 8 a 15 posti letto usufruendo dei locali dell’U.T.I.C., a sua volta trasferita in altra sezione ospedaliera, e nei giorni successivi è stata avviata la collaborazione con i Colleghi delle U.O. di Medicina Interna e Pneumologia per la cura dei Degenti ricoverati nei 18 posti letto di Terapia Semintensiva.

Broncopneumologia diretta dal Dr. Paolo Spinaci ha dedicato i suoi 24 posti letto all’assistenza di pazienti positivi al Coronavirus;  Cardiologia UTIC, sotto la guida del dottor Giorgio Di Noto, avendo ceduto i suoi locali per l’implementazione dei posti letto di Terapia Intensiva, è stata momentaneamente integrata a Neurologia, area coordinata dal dr Claudio Alesi che ha parzialmente ridotto i propri posti letto, soprattutto di degenza ordinaria, e ricollocato parte del proprio personale Infermieristico nei reparti Covid. Nefrologia, diretta dal Dr. Stefano Santarelli, per ridurre il rischio di contagio dei propri pazienti non affetti da Covid 19 ha ridotto ricoveri e visite ambulatoriali alle situazioni di urgenza e impegnato personale medico, come quello delle altre branche specialistiche, nella turnazione dei reparti Covid. Anche Ortopedia e Traumatologia, diretta dal Dr. Rocco Politano,  sta collaborando attivamente mettendo a disposizione sia i propri locali per l’istituzione della 1° area Covid, sia figure mediche nelle equipe per la gestione clinica e la cura dei pazienti con problematiche legate al Covid-19

Radiodiagnostica, coordinata dal dr. Francesco Bartelli ha sin dall’inizio della pandemia allestito percorsi dedicati ai pazienti con patologia respiratoria e ha ridimensionato l’attività ordinaria mentre ha solo parzialmente ridotto l’attività di risonanza magnetica dal momento che queste apparecchiature sono ubicate in un’ala dell’Ospedale compresa nel  percorso “NON COVID-19”.

Hanno continuato invece l’attività di assistenza in ambienti protetti e in area no-Covid Ostetricia e Ginecologia diretta dal Dr. Gianluca Grechi, Pediatria e Neonatologia, coordinata da Dr.ssa Antonella Bonucci, pur procrastinando le attività non urgenti (sospetti covid vengono accompagnanti in stanze dedicate e isolate dal resto del reparto; Medicina Fisica e Riabilitazione diretta dal Dr. Alessandro Brizzi ha riorganizzato sia le attività ospedaliere sia quelle ambulatoriali (previsto anche un percorso rivolto a pazienti covid positivi); Oncologia, guidata dal Dr. Mobin Safi, continua a garantire la regolare attività di Day Hospital ed è dotata di opportuni presidi di protezione individuale. Il follow up dei pazienti viene mantenuto nei pazienti con ripresa di malattia, infine viene garantita l’assistenza dei Pazienti domiciliari in terapia palliativa e/o in fase terminale tramite il personale dell’IOM, dell’U.O Hospice e delle cure domiciliari,

Attività ridimensionata per Clinica di Reumatologia (Prof. Walter Grassi)pur garantendo sia la gestione
delle urgenze ed emergenze sia la continuità di monitoraggio e assistenza dei pazienti con gravi malattie
sistemiche; per Chirurgia Generale e Urologia rispettivamente dirette dal Dr. Roberto Campagnacci e dal Dr. Vincenzo Ferrara che garantiscono tutti gli interventi chirurgici in regime di emergenza urgenza e quelli per
patologia oncologica, mentre hanno dovuto differire, come da indicazioni regionali, tutte le altre tipologie
di intervento.

Visite e assistenza assicurate ma solo per urgenze anche dai reparti di Dermatologia (Dr. Giuseppe Lemme) che, oltre ad aver contribuito alla continuità assistenziale nelle aree Covid, assicura chirurgica dermatologica; Odontostomatologia Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva.

Patologia Clinica, con la dott.ssa Francesca Brecciaroli, ha implementato  la propria dotazione di strumenti diagnostici per ridurre i tempi di refertazione degli esami eseguiti in Pazienti Covid positivi nonché è in corso di allestimento la processazione di tamponi rinofaringei per la diagnosi di infezione Covid.

Prosegue regolarmente l’attività di Medicina Trasfusionale diretta dalla dott.ssa Daniela Spadini ha provveduto all’applicazione di nuovi protocolli per la selezione del donatore, ha allestito un “pre triage” prima di ammettere i donatori alla sala prelievi nonché procedure di distanziamento dei donatori.

Il Dipartimento di Salute Mentale si occupa del supporto psicologico telefonico, ambulatoriale, domiciliare dei propri assistita, Farmacia ha collaborato con le Unità Cliniche per definire la terapia appropriata.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.