MeetUp Spazio Libero: "La tragica situazione del M5S Jesi" | Password Magazine

MeetUp Spazio Libero: “La tragica situazione del M5S Jesi”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Di seguito pubblichiamo una nota stampa del gruppo MeetUp Spazio Libero Jesi:

“Gli eventi che negli ultimi giorni hanno coinvolto il M5S  a Jesi confermano ancora una volta la pessima leadership esercitata dal consigliere uscente Gianangeli sul gruppo jesino da oltre 5 anni. Ruolo per altro non previsto né tollerato all’interno del MoVimento stesso.

Nel suo discorso conclusivo nell’ultimo consiglio comunale, il capogruppo M5S spiega di non essersi di nuovo candidato alle amministrative per la sua impossibilità di partecipare alla campagna elettorale, volendo dedicare tempo alla famiglia e al lavoro. L’ennesima bugia smentita dai fatti, visto che lui è invece molto presente nella campagna elettorale, tanto da andare a sostituire il candidato Sindaco Bertini negli incontri più importanti, violando le regole e le prassi del dibattito democratico, senza rispetto per avversari, organizzatori e cittadini intervenuti. E arrivando ad una singolare interpretazione del principio stesso di democrazia che secondo Gianangeli significa che le sue regole prevalgano sulle regole stesse della comunità.

La gravità della situazione interna al gruppo jesino è oggi talmente eclatante che l’inopportunità del comportamento del capetto locale è stata stigmatizzata persino dalla deputata 5 Stelle Donatella Agostinelli e successivamente dalla parlamentare fabrianese Patrizia Terzoni.

Ma per tanti attivisti che hanno fondato il movimento a Jesi questa gestione personalistica e padronale era da tempo insostenibile e criticata, tanto da giungere ad aprile 2015 alle dimissioni dell’altra consigliera comunale Maria Teresa Mancia. Molti attivisti si sono allontanati e successivamente, volendo continuare a lavorare per la città, nel gennaio 2016 hanno fondato il MeetUp “Spazio Libero”.

D’altronde le nostre proposte di darci un metodo di lavoro più rispondente al principio “dell’uno vale uno” e basato su un procedimento decisionale democratico sono state completamente rifiutate di fatto rendendo impossibile continuare a lavorare nel gruppo.

In questi anni tante persone animate da senso civico si erano avvicinate al movimento di Jesi e hanno dovuto subire accordi segreti fatti alle loro spalle con il candidato sindaco Bacci nel 2012, dossieraggi contro esponenti marchigiani del m5s, formazioni di cordate provinciali per far eleggere candidati amici e spesso inadeguati, assenze nelle sedi istituzionali e profondo disinteresse per la realtà cittadina, mancanza di una opposizione efficace all’amministrazione Bacci e, in ultimo, insulti e minacce di denunce contro comuni cittadini che si sono permessi di criticare il suo operato.

Ci dispiace moltissimo che a Jesi il Movimento 5 Stelle versi in questa situazione tragica, ostaggio di un individuo la cui unica aspirazione è la realizzazione di una improbabile carriera politica romana. Probabilmente ormai gli esiti delle imminenti elezioni comunali sono già delineati, ma ci auguriamo che qualcuno nel movimento intervenga presto per evitare ulteriori danni incommensurabili”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.