MeetUp Spazio Libero: "No alla torre edilizia di 7 piani in via Tessitori" | | Password Magazine

MeetUp Spazio Libero: "No alla torre edilizia di 7 piani in via Tessitori"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Il progetto del palazzo a 7 piani (sito E.R.A.P.)

JESI – Il MeetUp “Spazio Libero” scrive al Sindaco, all’amministrazione ed ai consiglieri comunali di Jesi per segnalare la questione di via Tessitori perché si ripensi all’inopportunità economica e sociale della costruzione di una Torre di 7 piani che sacrifica un’altra area verde importante in una zona del proprio territorio già ampiamente urbanizzata soprattutto considerando l’enorme quantità di appartamenti sfitti esistenti in città.

“Jesi non ha bisogno di altro cemento: NO alla Torre edilizia di 30 appartamenti in via Tessitori” è il messaggio di MeetUp “Spazio Libero”.

Già un anno fa alcuni residenti del quartiere San Giuseppe presentavano al Sindaco Bacci una raccolta di circa 250 firme per chiedergli di: rivedere la decisione di costruire nuovi insediamenti abitativi al fine di preservare l’attuale area di sosta, nonché il parco verde circostante, a vantaggio delle attività sociali, sportive e ricreative presenti nella zona.

Il 25 luglio 2015, tre giorni dopo la presentazione della petizione, il Sindaco incontrava i residenti, mettendo subito a tacere la protesta dei firmatari, sostenendo che ormai non c’era possibilità di tornare indietro e che l’ERAP ( ex Istituto Case Popolari) avrebbe costruito nel giro di poco tempo un palazzone di 7 PIANI nelle adiacenze della palestra Carbonari.

Giugno 2016: “Si può, anzi, SI DEVE TORNARE INDIETRO – dicono da Spazio Libero – Non è con una nuova costruzione con ulteriore consumo di suolo che si dà una risposta appropriata alla legittima richiesta di alloggi a canone moderato. Non è tollerabile che si spendano 5 milioni di euro di noi cittadini, senza un minimo di buon senso, per costruire in quell’area, tra l’altro di interesse archeologico, altri 30 appartamenti, quando a Jesi ce ne sono già 4 mila sfitti e sul mercato immobiliare gravano ora centinaia di appartamenti nuovi o quasi completati provenienti da pignoramenti; immobili che possono essere reperiti a costi inferiori a quelli che dovrebbe sopportare l’ERAP per costruire il nuovo”.

La Regione Marche ha già assunto a questo proposito le sue linee di indirizzo (vedasi punto 1. Strategie del Piano Regionale di Edilizia Residenziale per il triennio 2014-2016 – deliberazione del Consiglio Regionale n. 115 del 9 dicembre 2014) per ridurre lo stock di alloggi ultimati, invenduti, che appesantiscono e condizionano il mercato edilizio e il sistema delle imprese edili; promuovere interventi di recupero del patrimonio immobiliare esistente ed acquisto alloggi immediatamente disponibili tramite il reinvestimento dei proventi delle vendite del patrimonio abitativo ERP.

“Questo nuovo insediamento va evitato perché provocherebbe ulteriori disagi e privazioni in un quartiere già appesantito per traffico, densità abitativa e una concentrazioni senza pari di case popolari – si legge ancora dalla nota – Per quali ragioni il Comune di Jesi non interviene per evitare la costruzione dell’edificio di 7 piani? Probabilmente per non rimettere in discussione l’edificabilità del terreno venduto dalla STU e gli 850 mila euro incassati dalla sua vendita; teme forse le conseguenze di una revoca del contributo ricevuto dall’ ERAP dalla Regione Marche pari a 1.950.000 euro per costruire quegli appartamenti. Ma è meglio mettere un piede in un fosso o in precipitare in un burrone?”.

E ancora: “A questo punto, sarebbe bene che l’attuale Amministrazione cercasse di salvare il salvabile. Realizzare l’edificio che contestiamo significherebbe completare lo sperpero di denaro iniziato con la costituzione della STU, fortemente voluta dalla passata Amministrazione comunale, la quale, per bocca dell’allora assessore Olivi ambiva a realizzare un intervento “di riqualificazione senza precedenti nella storia della nostra città e che potrà davvero cambiare il volto ad una zona dove sono presenti criticità ma anche straordinarie opportunità…”. Invece, a quanto pare, l’intervento si è rivelato essere una triste occasione di dispendio di denaro pubblico, che vede le “criticità” cittadine ancora tutte in piedi… più una: la costruzione di una Torre di 30 appartamenti a San Giuseppe (!!!)”.

In conclusione, MeetUp Spazio Libero invita il Sindaco “a fare proprie le osservazioni dei residenti e degli scriventi; a stoppare la cementificazione in Via Tessitori e quindi a ridiscutere con l’ERAP, con gli strumenti di contrattazione a sua disposizione, la trasformazione degli attuali beni e diritti dell’ERAP sull’area in questione, in altri beni e utilità equivalenti; a concordare con Regione Marche ed ERAP il reimpiego del contributo concesso e non ancora speso dall’ERAP stesso, avendo come riferimento le strategie del piano di edilizia residenziale regionale in vigore (triennio 2014-2016), anche in considerazione del fatto che la Regione Marche deve comunque intervenire per reincamerare il contributo non speso. Infatti, l’ultima proroga ottenuta dall’ERAP sul termine indicato per l’inizio lavori è scaduta il 31 luglio 2015. A revocare tempestivamente il piano particolareggiato Campo Boario, per non dare modo ad alcuno di avviare altre iniziative speculative sui beni pubblici ivi ricompresi, tenendo conto del fatto che con la liquidazione in atto della STU, la fattibilità e proponibilità dei contenuti di quel piano, criticato già dal 2012 dal progettista anche per le forzature ivi introdotte a suo dire dalla parte politica, sono venute meno. Tra l’altro ciò è confermato dal fatto che l’attuale Amministrazione ha già dichiarato la ragionevole intenzione di mantenere la sede operativa della “JesiServizi” al Campo Boario; a organizzare un incontro con la cittadinanza per renderla edotta dei risultati ottenuti con la STU Campo Boario, per conoscerne i bilanci e la destinazione degli 850 mila euro incassati con la vendita del terreno in via Tessitori; a risolvere la questione delle spese anticipate dall’ERAP per eliminare l’interferenza della condotta idrica per precisare che quelle spese non vanno imputate al bilancio comunale”.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.