San Giuseppe, illustrato ai residenti il progetto di riqualifica | | Password Magazine

San Giuseppe, illustrato ai residenti il progetto di riqualifica

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Assemblea infuocata ieri sera, presso il centro sociale di via Tessitori, luogo che l’Amministrazione ha scelto per un incontro di quartiere aperto a tutti i cittadini.

Al centro della discussione, il nuovo progetto di riqualificazione di San Giuseppe, in vista dell’imminente avvio ai lavori di costruzione della Torre Erap.

Sul “mostro” di cemento a sette piani, come è stato ribattezzato da alcuni residenti, si sono spese già molte colonne di giornale. E il quartiere sembra ormai essersi rassegnato alla sua edificazione che porterà alla realizzazione di 30 nuovi alloggi da destinare a giovani famiglie di fascia media, con assegnazione tramite bando dell’Erap.

Sul tavolo balzano nuove criticità, tra cui polemiche per la presenza del Centro Ambiente o il rinvio dei lavori alla pista ciclabile, prevista all’interno del quartiere.

Ma andiamo con ordine. L’assessore ai Lavori Pubblici Roberto Renzi e l’assessora all’Associazionismo Paola Lenti, affiancati dal sindaco Massimo Bacci, illustrano ai numerosi cittadini presenti gli interventi previsti, tra cui il piano di mobilità che riguarderà il quartiere, nell’ottica di ridurre il traffico della zona; la sistemazione e ampliamento del verde di via Tessitori, concordando con la Soprintendenza l’abbattimento dell’edificio colonico; il recupero dell’area del Campo Boario, in termini di riorganizzazione degli spazi e di nuova disciplina degli accessi. Per soddisfare le esigenze dei residenti, nel parco Granita, saranno rimodulati gli orti urbani, lasciando a disposizione dei cittadini dai 6 ai 9 appezzamenti.

«Il Centro Ambiente e i servizi di Igiene urbana avranno ingressi separati, rispettivamente da via Don Minzoni e da via Granita – spiega Renzi – Al Campo Boario, saranno rivisti i posti auto per chi gioca a bocce e per chi si reca al campo sportivo. Tramite apposita variante urbanistica, cancelleremo gli interventi edilizi previsti dalla Stu, così che lo spazio resti pubblico e aperto».

Terminato l’intervento illustrativo, i cittadini prendono la parola: il primo a parlare è l’ unico cittadino firmatario del ricorso al Tar contro la Torre Erap, il signor Giustino Natalini, che si rivolge a Bacci  definendolo come «il Trump della situazione» che del palazzone Erap ha fatto il suo «cavallo di battaglia». Il sindaco, però, respinge gli attacchi: «Sarà il Tar a darci la sentenza finale, visto che è stato presentato un ricorso. Non credo sia il caso di parlare qui di aspetti giuridici che riguardano una scelta politica fatta diversi anni fa, da un’Amministrazione precedente la nostra». La discussione tenta di decollare nuovamente sulla faccenda Erap per voce di militanti di Jesi in Comune, cui si accoda anche Ruggero Fittajoli del Meet Up Spazio Libero di Jesi. Ne nasce un botta e risposta che non soddisfa però i residenti, intenzionati a discutere di altre criticità. Tra queste, la presenza del Centro Ambiente «troppo vicino alle abitazioni», dicono, l’aumento della Tari, la pista ciclabile ancora non costruita, la mancanza di parcheggi, la questione sicurezza.

Interviene allora Salvatore Pisconti, di JesiServizi, che puntualizza il ruolo di Centro Ambiente quale area operativa per il trasporto e la movimentazione dei rifiuti fuori dalla città, verso la discarica di Corinaldo, e non come punto di stoccaggio. Su pista ciclabile, Renzi spiega che la messa in stand by è dovuta all’ottenimento di un contributo europeo per la sua realizzazione: «Solo una posticipazione, nell’interesse di tutti». A chi invece chiede maggior sicurezza, Renzi parla di videosorveglianza che, però, non convince tutti.
L’idea dell’Amministrazione resta quella di raccogliere le esigenze e le impressioni sugli interventi futuri: «Non ancora un progetto blindato – spiega l’assessore Renzi – C’è ancora possibilità di intervenire laddove i cittadini lo ritengano opportuno».
Tranne che sulla Torre Erap: l’apertura del cantiere si avvicina.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.