Matt Cancelleria
Vai al Sito

Menopausa, affrontarla con una corretta alimentazione

L’universo femminile è caratterizzato da diverse fasi evolutive, tutte di notevole importanza fisica e psichica, una di queste fasi sicuramente non facile per una donna è la menopausa.

Dal greco “menos”, mese e “pausis” cessazione, questo termine indica la “cessazione della mestruazione”. La menopausa per una donna non rappresenta un mero passaggio fisiologico ma comporta una serie di sconvolgimenti ormonali e ripercussioni psicologiche che se non gestite adeguatamente possono creare forti tensioni e possono destabilizzare e disturbare la vita della donna.

La fase precedente la menopausa conclamata (premenopausa) è un è periodo caratterizzato da fluttuazioni ormonali che possono dar luogo a diversi sintomi, i più comuni sono gli sbalzi di umore, irritabilità, ansia, tristezza per la fine del periodo fertile, timore di non essere più attraenti; inoltre insonnia, stanchezza, mal di testa, aumento della sudorazione, vampate e aumento di peso. Le fisiologiche fluttuazioni ormonali vengono ad alterarsi nel periodo pre-menopausale per cambiare definitivamente quando la menopausa è conclamata.

Una delle maggiori paure della donna è l’aumento di peso che è giustamente motivato da variazioni fisiologico-metaboliche. Essa può infatti vedere il suo fisico perdere la sua linea abituale. Il rallentamento del metabolismo determina una diminuzione della massa magra ed aumento della massa grassa, localizzata soprattutto a livello di addome, fianchi e glutei.
La densità ossea, che fisiologicamente diminuisce nel corso della vita, tende a diminuire ancor più velocemente favorendo così la fragilità ossea (osteoporosi).

L’alimentazione ed un corretto stile di vita sono fondamentali in ogni fase della vita, a maggior ragione in questo delicato passaggio. Per ridurre al minimo tutti questi effetti l’alimentazione e lo stile di vita giocano un ruolo primario, già a partire dagli anni precedenti la menopausa. E’ importante arrivare a questo appuntamento il più possibile in buona salute (fisica e mentale), questo aiuterà a fronteggiare la “problematica transizione”.

La dieta nella menopausa deve essere equilibrata e proporzionata, si dovrà tener conto del ridotto dispendio energetico, fare attenzione al corretto fabbisogno di calcio e vitamina D ed inoltre tener presente che un approccio nutrizionale adeguato potrebbe, garantendo un buon apporto di estrogeni vegetali o fitosteroli, alleviare i sintomi più comuni della menopausa. E’ utile incrementare l’assunzione di fitoestrogeni (molecole con attività similestrogenica) ovvero di alimenti a base di soia che sono ricchi di queste preziose molecole. I fitoestrogeni sono ampiamente presenti nei legumi, nel latte di soia, nel tofu, nel tempeh o nel pane, pasta e fiocchi, che vengono ottenuti miscelando farina di soia e farina di frumento. Un’altra utile indicazione è quella di limitare il consumo di zuccheri semplici, carne rossa, caffeina e teina per non accentuare il fenomeno delle vampate. In commercio si possono anche trovare degli integratori alimentari utili a limitare i sintomi della menopausa (isoflavoni di soia, trifoglio rosso, cimicifuga, magnesio, calcio).

In sintesi possiamo dire che la menopausa, come qualsiasi altra situazione, se vista nella giusta prospettiva può essere vissuta come un momento di consapevolezza e nuova energia. Non rappresenta l’epilogo ma una meta da cui ripartire per apprezzare un’altra fase della vita, ugualmente entusiasmante ed affascinante. Buona vita a tutte!!!

A cura del Dott. Roberto Ceci

 

Dott. Roberto Ceci, esperto in Scienze dell’Alimentazione e Nutrizione Umana
Per contattarlo: roberto.ceci@email.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*