Mense, Jesiservizi presidia quotidianamente il servizio | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Mense, Jesiservizi presidia quotidianamente il servizio

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce


JESI –  Jesiservizi presidia quotidianamente il servizio di refezione scolastica ed il proprio personale è periodicamente nelle cucine e nei refettori per controllare che tutto funzioni al meglio. Lo stesso personale ha un rapporto costante con il Comitato Mensa che, va ricordato, ha un numero di componenti che non trova riscontri in altre città che effettuano lo stesso tipo di servizio.

Per queste ragioni coglie di sorpresa la nota che, tra l’altro, non è stata neanche inviata a Jesiservizi come invece viene detto, ma data alla stampa con finalità fin troppo chiare.

Secondo quanto riportato da tale nota – redatta dal Comitato Mensa dei genitori –  la Commissione avrebbe stimato a partire dall’inizio dell’anno scolastico oltre 300 chili al giorno di cibo sprecato. L’esternalizzazione del servizio, scelta giustificata nel 2013 da esigenze di efficienza ed economicità, si starebbe inoltre rivelando un trasferimento dei costi sui cittadini, costretti a pagare la tariffa di refezione scolastica per poi ritrovarsi a casa bambini affamati che tornano digiuni da scuola. Sempre secondo questa nota, sarebbe venuto a mancare il finanziamento da parte della Regione per il progetto Pappa-fish per la somministrazione di pesce fresco nelle scuole: una perdita di circa 17 mila euro causati da un’errata presentazione della domanda da parte di JesiServizi. “Si proceda da subito alla somministrazione di pesce fresco dell’Adriatico – dicono i genitori –  in sostituzione di quello surgelato e completamente buttato, autofinanziandolo con risorse proprie, ad esempio utilizzando le penali applicate a Dusdmann, attuale erogatore del servizio, per i corpi estranei ritrovati nei corpi scorsi nei pasti dei bambini”.

Fermo restando che vi sarà l’occasione di chiarire con tutti i componenti del Comitato Mensa, con l’Asur, con la Dussman e con il Comune ogni aspetto che è stato evidenziato, fin d’ora Jesiservizi puntualizza due cose:

– i rifiuti – che ovviamente non possono essere pari a 3 quintali al giorno visto che tale quantitativo è praticamente la fornitura dei pasti complessiva – sono gli stessi che si registravano prima della riorganizzazione del servizio e riguardano in particolare verdure, pesce e frittate che sono tradizionalmente i piatti meno appetibili per i bambini sia a casa che a scuola;

– non è assolutamente vero che la domanda per Pappa-Fish sia stata presentata in maniera sbagliata; è vero invece che è pervenuta correttamente in Regione ed è stata per questo accolta, ancorché non finanziata perché non rientrante in graduatoria. Si aggiunge, per ulteriore precisione, che la domanda era stata presentata nelle stesse modalità dello scorso anno, quando era stata finanziata, rivolta dunque ad una fornitura sia per le scuole dell’infanzia che per le primarie. Il responsabile del servizio in Regione ha chiesto invece di togliere quest’anno la scuola dell’infanzia per il dubbio – a Jesi non presente – che potessero essere avvantaggiate anche scuole private. Così è stato fatto e la domanda è stata riformulata nei tempi previsti, concordati e, per questo, come detto accolta dagli Uffici.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.