Mense scolastiche, l'assessore Traversi: "Aperta a qualsiasi idea ma non a lasciare tutto com'è"

JESI – Si è svolta lunedì scorso la seduta della Commissione Consiliare 2 durante la quale l’assessore ai servizi educativi Barbara Traversi ha illustrato la proposta di delibera sulla riorganizzazione del servizio di refezione scolastica. Sia il Pd che il MoVimento 5 Stelle hanno chiesto all’Amministrazione comunale più tempo per riflettere e approfondire ipotesi alternative a quella dell’esternalizzazione, che comporterebbe la chiusura, difficilmente reversibile, delle cucine interne attualmente esistenti.

In serata si è svolta invece la seconda riunione del Comitato Ristretto dei Genitori, che hanno esposto all’assessore il documento che sintetizza le loro proposte. Presenti anche diversi consiglieri di maggioranza e di minoranza.

“Sono molto soddisfatta di questo incontro – ha dichiarato Barbara Traversi – perché i genitori ci hanno sottoposto un lavoro approfondito e stimolante, nonostante il breve tempo a disposizione. È  stata anche una opportunità per proseguire il confronto con i consiglieri di opposizione, in toni molto più distesi di quelli avuti nel pomeriggio in commissione. Sono certa che si tratta solo della prima fase di una collaborazione lunga e proficua”.

Nei prossimi giorni il documento dei genitori verrà sottoposto ad un vaglio tecnico da parte dei dirigenti del Comune e politico da parte della Giunta e dei consiglieri di maggioranza. Si valuterà la possibilità e l’opportunità di modificare o integrare la delibera.

“Resto aperta a qualsiasi idea, tranne quella di lasciare tutto com’è – ha aggiuntola Traversi- stiamo ragionando in particolare sulla sollecitazione di Marasca a potenziare,  in caso di esternalizzazione, i sistemi di controllo, e verificare più a fondo la possibilità di sfruttare la cucina della Casa di Riposo per produrre almeno una parte dei pasti. Entro la fine della settimana daremo ai genitori una risposta articolata sul loro documento”.

Stasera, alle ore 21, presso la Circoscrizione San Francesco, l’assessore incontrerà inoltre il comitato alternativo che si è autocostituito in polemica con quello ufficiale.

“Ho saputo di questa iniziativa dai giornali – ha conclusola Traversi- e questo non mi pare un bell’inizio, ma mi metto comunque a disposizione se queste persone vogliono capire meglio e confrontarsi. Il nostro interlocutore ufficiale, quello che consideriamo veramente rappresentativo dei genitori in quanto composto dai rappresentanti di Istituto liberamente eletti, resta il Comitato Ristretto, questo sia ben chiaro”.

Comunicato da: Comune di Jesi

MOV 5 STELLE: “MENSE SCOLASTICHE, ESTERNALIZZARE NON SERVE”

Il servizio mense scolastiche di Jesi oggi  è gestito per il 60% da Jesi Servizi S.r.l. (la società interamente partecipata dal Comune di Jesi) e per il restante 40% dalla Camst, una Cooperativa privata di Bologna che avendo vinto l’appalto nel lontano 2006, se lo è visto prorogato, anno dopo anno, fino ad oggi. In totale, 290.610 pasti all’anno, di cui, 182.408  prodotti dalle 9 cucine interne di proprietà del Comune. Si base giornaliera, circa 1900 pasti al dì.

“Dagli approfondimenti che abbiamo fatto – fa sapere il MoV 5 Stelle –  sono emersi numerosi dubbi sulla scelta di esternalizzare, che abbiamo raccolto in un DOCUMENTO che abbiamo fatto mettere a verbale della seduta della Commissione Consiliare II convocata per 21 gennaio 2013”.

In sintesi, le criticità evidenziate e dettagliate nel documento sono le seguenti:

– Sembrerebbe che non sia completamente vero che le cucine delle nostre scuole non sarebbero “a norma” e quindi la scelta di esternalizzare, considerato il bilancio pessimo del Comune e la difficoltà a reperire le risorse per gli adeguamenti necessari, diverrebbe una scelta “inevitabile” e “quasi obbligata”.

– La Casa di Riposo di Jesi è dotata di una cucina di proprietà del Comune, recentemente implementata, che, da atti reperiti presso i competenti uffici comunali, sembrerebbe capace di produrre un numero di pasti sufficiente anche per la refezione scolastica. Perché dobbiamo esternalizzare il servizio se il Comune ha già le strutture sufficienti per coprirlo interamente?

– Piuttosto evidenti sono i dubbi sulla effettiva economicità di una esternalizzazione del servizio mense e sulla certezza di un risparmio per il Comune. Non ci risulta che esista, ad oggi, nessun piano industriale della esternalizzazione, supportato con un parere tecnico, sottoscritto con assunzione di responsabilità, che assicuri e quantifichi la convenienza economica per l’Ente comunale della scelta di esternalizzare. Non ci risulta inoltre che esista agli atti dell’istruttoria in corso, nessun parere che attesti la impossibilità di ottimizzazione della attuale filiera di produzione dei pasti interni, tenuto conto anche dei numerosi passaggi di assegnazione di servizi a società e cooperative diverse che intercorrono oggi fra il Comune e l’erogazione effettiva del servizio.

– Il numero di controlli (e quindi i relativi oneri) attuali per le mense interne sembrerebbe piuttosto esiguo. Va comunque detto che le mense considerate sarebbero di proprietà del Comune, con personale dell’ Ente e acquisto diretto delle derrate alimentari di qualità da parte del Comune. In una ipotesi di esternalizzazione, invece, se si vuole mantenere la stessa sicurezza sugli standard di qualità, occorre ovviamente ipotizzare filiere per il controllo ben più efficaci e costose, rendendo il bilancio complessivo di una eventuale esternalizzazione sicuramente meno conveniente. Perché non è stato presentato un piano serio e concreto dei controlli previsti in caso di esternalizzazione, con il computo dei relativi costi, per valutare tutti gli aspetti e tutte le variabili coinvolte nella questione?

Comunicato da: MoVimento 5 Stelle – Jesi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*