Menù scolastici, Jesi nella top ten italiana | | Password Magazine

Menù scolastici, Jesi nella top ten italiana

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Una vecchia foto del sindaco Massimo Bacci in visita alle mense scolastiche

JESI – Jesi migliora ulteriormente il proprio punteggio nel rating dei menu scolastici (salendo da  119 a 135) e si conferma saldamente nella top ten guidata da Cremona e Trento.

È questo il risultato della terza indagine di “foodinsider” sulle mense scolastiche, il sito nazionale dei genitori sensibili alla qualità del cibo che premia i menu più equilibrati in base ai parametri delle linee guida della ristorazione scolastica e le recenti raccomandazioni dell’Oms. L’indagine non considera aspetti come il gradimento del pasto, ma la qualità, la frequenza e la varietà degli alimenti proposti nei menu scolastici in base ai suddetti parametri. Il punteggio è il risultato della compilazione del test “Menu a punti” alla fine del quale si ottiene un ‘voto’: sotto ai 50 punti non è sufficiente, dai 50 ai 100 è sufficiente, sopra ai 100 è un buon menu.

I punti di forza del menu di Jesi sono: la presenza di alimenti bio, l’introduzione di pasta semi-integrale, incremento delle porzioni e varietà di legumi e cereali, riduzione della presenza di insaccati e carni rosse a favore della carne bianca, almeno un primo piatto settimanale con verdura di stagione, merende a base di frutta fresca, somministrazione ormai quasi esclusiva di pesce fresco locale.

Ma l’ingrediente più importante dei menu di Jesi, come è stato detto più volte, è il perfetto gioco di squadra tra tutti i soggetti interessati e coinvolti (utenza, ditta erogatrice, società gestore del servizio, Asur) costruito attraverso il controllo, il confronto e l’informazione.

I numeri del servizio di refezione scolastica di Jesi sono di tutto rispetto: circa 1.600 pasti giornalieri; 3 cucine di cui una centralizzata e due all’interno di nidi comunali; una Commissione Mensa attiva dal 2012 formata da una cinquantina tra genitori e insegnanti; incontri periodici tra rappresentanti della Commissione stessa, società comunale (JesiServizi) responsabile del servizio, ditta appaltatrice, capo cuoco e nutrizionisti; un monitoraggio tramite controlli, ispezioni e segnalazioni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.