Mercatino dei bambini, una buona opportunità di integrazione | | Password Magazine

Mercatino dei bambini, una buona opportunità di integrazione

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Intervista a Paolo Gubbi, coordinatore di Consulta per la Pace Jesi, e organizzatore del tradizionale “Mercatino dei bambini”, in programma ogni Giovedì di Luglio (5-12-19-26 Luglio) nel cortile della Scuola Elementare G. Garibaldi di Jesi, nel quartiere San Giuseppe.

Il mercatino dei bambini è una tradizione che va avanti da oltre trent’anni a Jesi: siamo partiti con le prime edizioni al Campo Boario, dopodiché la location del mercatino si è distribuita lungo tutto il centro storico. Piazza della Repubblica, Piazza Federico II, il Mercato Pubblico di via Nazario Sauro, Palazzo dei Convegni, Parco Mattei e quest’anno la scelta è ricaduta sulla Scuola Elementare Garibaldi. Tutte zone che contornano il centro storico, per poter coinvolgere anche il passeggio.

Questa volta, ripartendo dalle origini, ci siamo voluti riavvicinare al quartiere popolare di San Giuseppe, dove sono tante le persone che accorrono al Mercatino.

È una tradizione che vogliamo mantenere viva perché accoglie anche il cambiamento della società, coinvolgendo persone di provenienza diversa. I bambini così interagiscono tra di loro, tra i venditori ci sono anche bambini stranieri: non sono più solo quelli che comprano, ma anche quelli che vendono.

I nostri ragazzi invece di stare uno di fronte all’altro, sono uno di fianco all’altro e questo per noi è motivo di orgoglio.”

Partecipano solo i bambini del quartiere? E solo i bambini frequentanti le scuole elementari?

Non solo: possono partecipare tutti i bambini delle scuole elementari e medie. L’evento è aperto a tutta la Vallesina, non ci sono limiti. Chiaramente ci deve essere l’accompagnamento di un adulto. Registriamo la presenza dei bambini di ogni quartiere e di ogni provenienza.

Sono accompagnati da nonne, mamme, zie, sorelle maggiori. Soprattutto le mamme partecipano volentieri, aiutando i propri figli nella contrattazione, come nei mercati veri e propri.

Si svolgono vere e proprie lezioni di responsabilità sul bene che viene venduto, a volte i ragazzi ci guadagnano, altre un po’ meno: noi suggeriamo alle mamme di lasciarli fare, perché così i bambini imparano a gestire la propria merce.”

Quindi non solo giochi: tra le bancarelle c’è anche il vestiario o altri tipi di beni?

“Sì esatto. Mentre una volta si vendevano per lo più giochi o libri che venivano piuttosto scambiati, con il cambiamento dei tempi è emersa anche una necessità diversa, di beni primari. Quindi è facile ora trovare nelle bancarelle non solo giocattoli, ma anche vestiti, oggettistica per la scuola: il vestiario ha preso campo con gran successo. I bambini portano vestiti dei fratelli o delle sorelle minori che non vengono più usati, oppure zaini, scarpe, accessori per la scuola. Meno giocattoli ma più roba necessaria.”

Siamo a metà evento, come sta andando? Quante sono le bancarelle presenti?

“Si esatto, rimangono altre due date su quattro. Per ora abbiamo registrato in due giornate la presenza di 60 ragazzi, con una media di 30 bambini a giornata, su uno spazio adibito per 40 posti al massimo, che sono comunque stati sempre riempiti.

Calcoliamo una presenza media di 80 ragazzi alla fine delle quattro giornate dell’evento. Mi ritengo molto soddisfatto dalla presenza di chi partecipa, sia chi vende sia chi compra: da buoni commercianti, i ragazzi che vendono dicono che gli affari vanno bene, che c’è affluenza, che il posto scelto è soddisfacente.

Ora, al di là dello spirito economico, a noi interessa il lato che vede interagire i ragazzini tra loro: un bambino jesino con un bambino marocchino, una mamma italiana con una mamma nigeriana.

A volte tra farlo e non farlo, allestire il mercato intendo, il confine è molto labile: ma da noi in Consulta c’è grande entusiasmo da parte dei volontari, tutti partecipano. E l’affluenza è la migliore risposta al lavoro e alla passione dei volontari.

Penso che l’integrazione, che è una parola grande, passi anche da questi eventi. Noi cerchiamo di mantenere questo evento in vita e alimentare così anche questi processi di interazione, dedicando il nostro tempo e le nostre energie. Dobbiamo lavorare sui giovani, che diventeranno poi degli adulti più consapevoli, integrati, e direi anche più generosi.”

C’è da precisare, inoltre, che dalle quote di partecipazione al mercatino viene ricavato un incasso, che a fine evento verrà devoluto in beneficenza per progetti che aiuteranno bambini in difficoltà. Una bella idea quella che vede i ragazzini e bambini del mercatino in soccorso di altri loro coetanei.

 

A cura di Giovanna Borrelli

(Foto da pagina FB Consulta della Pace Jesi)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.