Michele Scarponi: una Fondazione in sua memoria. Intervista al fratello Marco

FILOTTRANO – A un anno di distanza dalla morte del ciclista Michele Scarponi, abbiamo intervistato il suo fratello maggiore Marco: ci ha raccontato di come l’Aquila di Filottrano rivive nei suoi ricordi e in quelli della gente che lo amava. E delle iniziative in corso per sensibilizzare le persone su importanti temi, come quello, ad esempio, della sicurezza stradale.

Tra gli appuntamenti importanti, l’8 Maggio alle ore 10.00, a Palazzo Accoretti di Filottrano, sarà inaugurata la Fondazione Michele Scarponi.

Ciao Marco, innanzitutto grazie per l’intervista e per la tua disponibilità. Il 22 Aprile è stato l’anniversario dalla morte di Michele, un grande ciclista e, ancor di piú, un grande uomo: ricordo una folla di persone in fila per dargli un ultimo saluto. Quanto ancora è forte oggi l’affetto della gente, di un’intera comunità sportiva e di un paese che, dal giorno della sua scomparsa, si è stretto intorno alla vostra famiglia?

“L’affetto della gente è stato molto importante per noi. È un abbraccio che Michele ha sempre ricambiato in vita, che adesso continua e noi non possiamo far altro che ringraziare tutti coloro che ci sostengono e ci fanno forza, in primis i ragazzi del Fun Club, i filottranesi e tutti coloro che da ogni parte d’Europa vengono a Filottrano a salutare Michele e la sua famiglia. Tutto ciò è un fatto evidente: Michele era ed è amato da tante persone perché era sempre molto disponibile, allegro, con tanta voglia di vivere”.

Con quali parole esprimi il ricordo di tuo fratello?

“Michele per me è l’infanzia, la nostra, vissuta in campagna con i nonni, i cugini, i campi, i palloni e le immancabili biciclette. È la tenacia, la fatica, il sudore, la salita. Michele è quindi il custode di tutta una serie di valori che contribuiscono a realizzare i sogni di un bambino. È la voglia di stare insieme. Ma se c’è una parola che davvero si addice a Michele, quella parola è famiglia”.

Sono in corso progetti o iniziative, a breve e lungo termine, in sua memoria?

“Insieme ai ragazzi del Gruppo Ciclistico “Michele Scarponi” e al Comune di Filottrano abbiamo creato una rassegna denominata “L’aquila e le sue colline”, che ormai sta volgendo al termine ma che ancora ha in cartellone una serie di iniziative davvero interessanti che potrete trovare sulla relativa pagina Facebook (Michele Scarponi- L’aquila e le sue colline). La rassegna è stata pensata proprio per onorare Michele e per sensibilizzare la cittadinanza sulla sicurezza stradale.

Una locandina dei prossimi eventi in rassegna

Se Michele fosse ancora qui, cosa direbbe? Era cosciente dell’affetto che era attorno all’Aquila di Filottrano?

“Non so cosa direbbe. Era cosciente del grande amore che c’era intorno a lui anche perché era ed è un amore che lui ha nutrito giorno dopo giorno col suo modo di essere, spontaneo, sincero e generoso verso tutti gli appassionati di ciclismo e non solo. Michele avrebbe sicuramente sorriso e se la sarebbe cavata con una smorfia e una battuta delle sue, poi sarebbe salito sulla sua bicicletta seguito da tutti gli amatori delle Marche e al primo bar avrebbe offerto un caffè a tutti quanti”.

foto da: michelescarponi.it

A cura di Giovanna Borrelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*