Migranti e migrazioni alla Giornata Mondiale del Rifugiato

JESI – Venerdì 23 giugno ai Giardini Pubblici di viale Cavallotti l’appuntamento è con la Giornata Mondiale del Rifugiato. Si inizia alle 18 con l’apertura degli stand delle associazioni aderenti fino alle 22.30 con il concerto raggae dei Jolebalalla, passando per “Babel” la settimana tappa del progetto di Teatro Comunità MigrArti dell’Atgtp che vede impegnate una ventina di persone tra migranti e italiani. Per quest’anno non ci sarà la preghiera in piazza “perché desiderio espresso dai migranti è quello di farsi conoscere – ha spiegato l’assessore Luca Butini – D’altronde chi lo scorso anno aveva polemizzato non aveva capito niente della manifestazione”. “I comune di Jesi è capofila nel progetto di seconda accoglienza Sprar – ha chiarito Marcos Lopez per il Gus – A Jesi sono 11 gli appartamenti affittati ai beneficiari del progetto che sono 55 uomini adulti. Chiaravalle ne accoglie 23, comprese donne e bambini, Osimo 22. In nove anni complessivamente a Jesi sono arrivate 450 persone, beneficiarie del progetto Sprar che prevede corsi di lingua, tirocini formativi, borse lavoro. Molti necessitano di supporto legale e psicologico, basti pensare che la maggior parte di queste persone attraversa la Libia dove subiscono violenze e privazioni di ogni genere”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*