Minacce all'ex compagna, fermato stalker | Password Magazine
Banner4Baffi

Minacce all’ex compagna, fermato stalker

Immagine d'archivio

ANCONA – Assillava l’ex compagna con comportamenti persecutori, ingiurie e minacce verso lei e i suoi figli. Nella giornata di ieri i poliziotti della Squadra Mobile di Ancona, Sezione Reati contro la persona e la libertà sessuale, coordinati dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona, hanno applicato ad un uomo di 52 anni la misura cautelare il divieto di avvicinamento alla ex compagna e ad i luoghi dalla stessa frequentati, con contestuale divieto di comunicare, attraverso qualsiasi mezzo (telefono, fax, internet, email) con effetto immediato, così come disposto con Ordinanza del Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Ancona.

Secondo quanto ricostruito dagli agenti della Squadra Mobile dorica, allertati da segnalazioni occasionali, la vittima ha iniziato a subire vessazioni diventate sempre più gravi e pericolose non solo per lei stessa ma anche per i loro figli, a partire da un anno fa circa, quando a seguito di litigi crescenti e ricorrenti, lo stalker maltrattante iniziava a porre in essere comportamenti persecutori assillanti, ingiurie, minacce, toni ultimativi nonché prospettazioni di mali futuri.

La corretta e precisa ricostruzione dei fatti, svolta dalla Polizia ha permesso di delineare un preciso quadro indiziario da far temere per l’incolumità della donna e dei loro figli, nonché da poter supportare e giustificare l’applicazione della misura cautelare in parola da parte del Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Ancona.

Doveroso appare mettere in luce l’attività della Divisione Anticrimine della Questura che ha specifica competenza in tale materia e nel contrasto del fenomeno stalking.

«Le istanze, attestano relazioni affettive concluse, spesso in malo modo e con nodi ancora da sciogliere per cui la non accettazione dei cambiamenti di vita e delle nuove situazioni, fanno sì che si mettano in atto, a volte anche grossolanamente, comportamenti invasivi, molesti, controllanti ma anche semplicemente non graditi che provocano nella controparte disagio, fastidio, senso di inadeguatezza, fino alla paura di azioni scomposte e ancora più gravi» si legge in una nota della Questura.

I richiedenti la misura hanno infatti qui comprovato, con incontri ravvicinati nel tempo e finalizzati a mantenere vivo il rapporto con le Forze dell’Ordine, come l’atteggiamento persecutorio e molesto e le condotte assillanti e disturbanti nel tempo, abbiano prodotto, modificazioni importanti nella propria vita relativamente alla salute, alle abitudini, ai rapporti interpersonali, sociali, lavorativi, sino a farli temere per la sicurezza ed incolumità non solo propria ma altresì delle persone dell’ambito familiare ed amicale.

«Nella gran parte dei casi – dice la nota – detto istituto ha scoraggiato atteggiamenti molesti, inopportuni e persecutori fino alla loro cessazione, se in corso, dunque è stata perseguita la finalità di impedire illeciti penali con conseguenze ben più gravi. Si riscontrano, positivi risultati derivanti dal percorso intrapreso dagli autori della violenza, per il tramite dei servizi socio assistenziali presenti sul territorio con i quali l’ufficio della Polizia Anticrimine è in stretto e sinergico contatto».

Molto frequenti lo “stalkeraggio” degli ex partners con minacce, tentativi di intrusione in casa e nell’ambiente di lavoro (fatti che nella loro persistenza, hanno seriamente impegnato gli operatori del “113” con i quali la Divisione Anticrimine intrattiene un continuo rapporto di osmosi e collaborazione, veicolando dati e situazioni alla sala Operativa della Questura la quale a sua volta ha predisposto, mediante specifico ALERT, piattaforme prioritarie di intervento) insinuazione nella posta elettronica, atti vandalici sulle proprietà, danneggiamento di beni,  scritti anonimi, appostamenti  ed inseguimenti in auto. La legge prevede che l’inosservanza alle prescrizioni dell’ammonimento comporta la denuncia penale, se la reiterazione dell’atto persecutorio è accompagnata da fatti di una certa rilevanza che possono far temere per l’incolumità della vittima (lesioni personali, danneggiamenti di beni, e così via) può essere emessa dal Gip idonea misura cautelare con divieto di avvicinamento volto a frenare il comportamento dell’autore.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.