Minaccia di morte la moglie e la figlia, arrestato 60enne | Password Magazine
Festival Pergolesi

Minaccia di morte la moglie e la figlia, arrestato 60enne

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – I poliziotti della Squadra Mobile di Ancona, a seguito attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona, hanno eseguito la misura cautelare degli arresti in carcere a carico di un uomo di 60 anni, responsabile di atti persecutori (stalking) nei confronti della moglie e della figlia maggiorenne.
La vicenda trae origine dall’intervento di una volante della Questura dorica avvenuto i primi giorni di giugno quando l’uomo veniva arrestato in flagranza per lo stesso reato e denunciato per possesso ingiustificato di armi o strumenti atti ad offendere in quanto trovato con una mazza da baseball, un martello ed un cacciavite. A seguito dell’intervento l’uomo era stato collocato in un nuovo domicilio con il divieto di avvicinarsi ai suoi familiari (moglie e figlia).
Le successive indagini condotte dalla Squadra Mobile, corroborate da riscontri provanti ulteriori episodi persecutori, culminavano con l’emissione di un’ordinanza di custodia cautelare degli arresti domiciliari a carico del 60enne.
Tuttavia, nel periodo del divieto di avvicinamento e degli arresti domiciliari, l’uomo, violando le prescrizioni, aveva recapitato più di una lettera dal contenuto offensivo e minaccioso alla moglie e alla figlia, lasciando altresì messaggi audio nelle segreterie telefoniche con i quali minacciava la donna che, se non avesse revocato le denunce «avrebbe fatte uccidere loro e l’avvocato dalla mafia pugliese», regione dove a breve avrebbe voluto trasferirsi di lì a poco.
L’ulteriore attività investigativa ha permesso di appurare il persistere di atti persecutori e, in data odierna, in accoglimento della ulteriore richiesta avanzata dalla Procura della Repubblica di Ancona, il Giudice del Tribunale di Ancona, ha emesso l’aggravamento della misura a carico del 60enne, disponendone la reclusione in carcere.
Nelle ultime ore i poliziotti della Squadra Mobile, Sezione reati contro la persona, hanno raggiunto l’uomo nel domicilio dove si era trasferito per scontare gli arresti domiciliari e lo hanno collocato in carcere a Montacuto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria procedente.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.