Minaccia i genitori dell’ex amica: «Soldi subito o le sfiguro con l’acido la faccia»

ANCONA – Il personale della Polizia di Stato, Squadra Mobile, nella tarda mattinata di ieri ha tratto in arresto un uomo ed una donna per estorsione in concorso commessa ai danni di una famiglia italiana composta da padre, madre ed una figlia.

 La vicenda, denunciata negli Ufficio della Questura dai coniugi vittime del reato, trae origine da un debito di 150 euro contratto dalla loro figlia con un cittadino straniero per l’acquisto di sostanza stupefacente del tipo eroina.

 A seguito delle prime richieste di denaro pervenute dallo spacciatore nei confronti della giovane tossicodipendente, il papà decideva di incontrare personalmente il pusher per estinguere il debito della figlia e rompere ogni rapporto con l’uomo.

La settimana scorsa i due si incontravano nei pressi di una pizzeria di Ancona dove avveniva lo scambio di denaro con la rassicurazione, da parte dello spacciatore, che non vi erano altri debiti pendenti da saldare per pregressi acquisti di stupefacente fatti dalla giovane.

Tuttavia, nei giorni avvenire, marito e moglie iniziavano a ricevere da parte dell’aguzzino numerose telefonate dal tono minaccioso, spesso provenienti da un telefono avente numerazione riconducibile ad una ragazza anconetana, complice ed ex amica della figlia delle vittime. Tutte le telefonate erano finalizzate ad ottenere altro denaro quantificabile sempre in 150 euro, nonostante il debito rivendicato fosse stato già estinto. In particolare, durante una conversazione occorsa il primo febbraio, l’aguzzino minacciava la vittima (il padre) dicendogli che, se non avesse pagato la somma di 150 euro, avrebbe sfigurato la faccia di sua figlia tanto che non l’avrebbe più riconosciuta e che avrebbe picchiato anche il suo ex ragazzo.

Altrettante telefonate di richiesta di denaro pervenivano anche da parte della complice dello spacciatore. La giovane correa, durante le telefonate, pretendeva la somma di 50 euro dovute, a suo dire, per un debito sorto tra lei e la sua ex amica vittima delle estorsioni.

 Ieri mattina, intorno a mezzogiorno, i poliziotti della Squadra Mobile predisponeva l’incontro tra le vittime e gli aguzzini che avveniva nella centrale piazza U. Bassi. Si presentavano all’appuntamento sia lo spacciatore che la sua giovane complice, entrambi con l’intento di estorcere il denaro richiesto.

L’appostamento dei poliziotti culminava nell’arresto in flagranza dei due estorsori, non appena avveniva lo scambio del denaro.

Su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona, gli arrestati venivano collocati presso il carcere di Montacuto e presso quello femminile di Villafastiggi (PU), a disposizione dell’Autorità Giudiziaria procedente.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*