Minacciato con un taglierino, tabaccaio affronta e mette in fuga il rapinatore | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Minacciato con un taglierino, tabaccaio affronta e mette in fuga il rapinatore

JESI – Un piccolo imprenditore dal grande coraggio. Si chiama Ulderico Ricciotti, 67 anni, titolare della tabaccheria di via Roma, al civico 33: aggredito nel suo negozio da un rapinatore, ha deciso di lottare e di non piegarsi alle minacce. Il fatto è accaduto sabato sera, intorno alle 21, in orario di chiusura. Il 67enne era solo, stava per spegnere le luci, quando all’improvviso un giovane con una felpa grigioverde entra nel negozio: «Mi sono voltato e ho visto questo ragazzo entrare: era alto, almeno 20 centimetri più di me che sono 1.60 – racconta Ulderico -. Mi si è avvicinato e minacciandomi con un taglierino mi urlato di consegnargli tutto l’incasso». A quel punto, Ricciotti reagisce d’istinto: «Mi sono rifiutato -ricorda, lasciando trapelare nella voce l’emozione -. Ho pensato solo a difendermi: così, ho afferrato il coltello per il pane che tenevo in un cassetto nella speranza che, vedendomi brandire una lama, desistesse nell’intento. Invece non c’è stato niente da fare ed è partita una colluttazione».

L’aggressore si avvicina al tabaccaio, cercando di portargli via il coltello, e i due iniziano a lottare, tra calci e spintoni:  «Non riuscivo a vederlo bene in volto, aveva un cappuccio in testa e il viso coperto a metà da una specie di mascherina. Si vedevano solo gli occhi e la carnagione chiara – racconta Ricciotti -. Da come parlava, mi sembrava italiano. Ad ogni modo, non ho prestato troppa attenzione ai dettagli…ero concentrato a difendermi». Per fortuna, le telecamere interne al locale riprendono la scena, attimo dopo attimo. La colluttazione dura circa un paio di minuti poi a Ulderico viene un’idea: cercare di avvicinarsi il più possibile alla porta. «Volevo uscire e chiamare aiuto – spiega -. Così l’ho strattonato con tutte le forze che avevo fino all’ingresso, finché non ci siamo ritrovati all’aperto, sulla strada, dove ho iniziato a gridare. A quel punto, è scappato via a piedi, correndo in direzione Monte Tabor».
Ulderico si è poi rivolto ai carabinieri per sporgere denuncia: «Per fortuna, nessuno si è ferito. Non so se per destino o per miracolo che ne sono uscito illeso. Sono convinto che sia sbagliato provocare male agli altri, mi sono sempre comportato con rispetto. E forse qualcuno lassù ha voluto proteggermi, davvero».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.