«Mio figlio nel mirino dei bulli, vi chiedo aiuto»: l’appello disperato di un genitore

JESI – «Mio figlio picchiato e molestato dai bulli, vi chiedo aiuto». È il grido disperato e di dolore di un papà, stanco delle vessazioni cui da anni il figlio minorenne è sottoposto. Una famiglia angosciata e distrutta cui è rimasto solo da rivolgere un appello d’aiuto tramite la stampa: «Lo sanno la scuola, i sanitari, le forze dell’ordine. Ma la situazione è diventata troppo pesante e non sappiamo più cosa fare: non parliamo solo di bullismo ma anche di atti persecutori e stalking». Finito nel mirino dei bulli, l’adolescente subisce costantemente violenza psicologica e fisica da parte dei coetanei. Come se su di lui ci fosse un’etichetta:  «Gli rovinano ripetutamente lo scooter: c’è stato un periodo in cui lo abbiamo portato a riparare quattro volte in una settimana – continua il padre – Qualche mese fa, mio figlio per proteggere il suo motorino è stato aggredito: lo hanno accerchiato e preso a calci e pugni. Siamo andati al Pronto soccorso per le numerose contusioni riportate al volto e al corpo e i medici gli hanno diagnosticato venti giorni di prognosi». Non appena lo scooter viene riparato, i baby bulli tornano all’attacco, creando alla famiglia anche un danno economico non indifferente: «L’ultimo danno allo scooter ammonta a circa 400 euro – prosegue il genitore -, qualche giorno fa abbiamo sporto denuncia ai carabinieri con il supporto del nostro studio legale di fiducia il quale intenderà tutelare la nostra famiglia sotto ogni aspetto». Le aggressioni fisiche non si verificano mai a scuola ma nei parchi e luoghi di aggregazione degli adolescenti: al parco del Vallato, del Ventaglio, ai giardini di viale Cavallotti.  «Nonostante abbia le ‘armi’ per denunciare questi ragazzi da genitore non l’ho fatto perché non voglio rovinare famiglie – precisa il papà con delle dichiarazioni riportate anche su Il Resto del Carlino  -. Però voglio rivolgere un appello a qualche genitore di mettersi nella mia condizione, con il cuore e la mente, magari arrivando anche a riconoscere le proprie responsabilità. Se ricevere delle scuse è troppo, chiedo almeno di fare qualcosa affinché mio figlio non venga più molestato. Non so se la soluzione sia una maggiore sorveglianza o nell’educazione, vi chiedo semplicemente aiuto»

7 Commenti su «Mio figlio nel mirino dei bulli, vi chiedo aiuto»: l’appello disperato di un genitore

  1. Alcuni atti come questo sono talmente gravi da giustificare un’Istanza da rivolgersi SUBITO alla Procura della Repubblica che interviene in tempi brevissimi.
    Ne ho curate molte durante gli anni di servizio come Assistente Sociale che tutelava i minorenni.
    Non scoraggiatevi e partite anche con una mail alla PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TROBUNALE PER I MINORENNI, trovate l’indirizzo mail in internet facilmente oppure rivolgetevi all’A.S. del Distretto che segue i minori.
    Se maggiorenne l’avanzate alla Procura GENERALE.

  2. Non denunciarli per on rovinare le famiglie è un segnale a continuare lo stolking contro tuo figlio. In questo caso devono essere coinvolti anche i genitori dei bulli avendone le prove

    • Ma infatti come si fa a non denunciare se le famiglie non lo sanno come fanno a prendere provvedimenti con i figli.Mi dispiace dirlo ma se loro figlio ha subito tutto questo è colpa dei genitori della vittima.Denunciare

  3. Ormai questo genitore le ha provate tutte, l’articolo del giornale non farà leva sulla coscienza dei genitori dei Bulli. Una denuncia si. Se sono diversi anni che va avanti questa storia, è ora di intervenire in maniera decisiva. LO DEVI A TUO FIGLIO CHE VIVE OGNI GIORNO NELL’ANGOSCIA DI INCONTRARE I SUOI PERSECUTORI.

  4. Denunciali subito e fai intervenire il tribunale dei minorenni.Vanno educati dai genitori e non devi soprassedere.
    Tuo figlio è una vittima e loro hanno grossi problemi… Non puoi continuare a subire

  5. Che cosa aspetta a denunciarli? Quando cavolo impareranno questi ragazzi ad accettare le conseguenze dei loro atti? Non aiutiamoli a crescere, mi raccomando! Crederanno sempre che sia tutto possibile, perché qui in Italia la giustizia non esiste! Non bastano ancora le vittime? Quanti morti ancora vogliamo prima di dire basta? Se questi ragazzi si comportano in questo modo, è la famiglia responsabile che non gli ha insegnato il rispetto verso gli altri, quindi devono pagare! La Società siamo noi, non tiriamo fuori scuse che non stanno ne in cielo ne in terra.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*