Misteriose barchette in centro: «Siamo tutti sullo stesso ponte» | | Password Magazine

Misteriose barchette in centro: «Siamo tutti sullo stesso ponte»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Piccole barchette di carta spuntano qua e là nel centro storico: sopra una pianta, una panchina, davanti la vetrina di un negozio. Su un lato, la scritta: «Siamo tutti sulla stessa barca o…ponte». La concomitanza dell’episodio con i funerali di Genova e la proclamazione del lutto nazionale fa pensare ad un’allusione alla situazione del Ponte San Carlo, che collega la città al quartiere Minonna e alla statale 362 per Santa Maria Nuova, Filottrano e Macerata. Il ponte è stato dichiarato in condizioni strutturali precarie e, pertanto, un’ordinanza ne vieta ora il transito a mezzi pesanti.

La situazione preoccupa i cittadini mentre l’Amministrazione comunale sta cercando fondi, interpellando gli organi superiori quali il Ministero, la Regione e l’Anas, affinché si possa correre in tempi brevi ai ripari. La stima dell’opera di demolizione e ricostruzione della struttura, così come suggerita dai tecnici, è di circa 4 milioni e mezzo di euro. Troppo per il singolo Comune.

Contro chi non rispetta il divieto, transitando sul ponte con un peso superiore ai 35 quintali, si sta valutando l’installazione di telecamere e il potenziamento dei presidi da parte della Polizia municipale: «La speranza è di trovare uno spiraglio di finanziamento dallo Stato. Mi risulta che il Governo si sta muovendo per fare un censimento delle necessità» fa sapere l’assessore Roberto Renzi. Dalla Regione,  arriva la voce anche della consigliera del M5S Romina Pergolesi: «Ci sono diverse situazioni nelle Marche da monitorare, a partire da alcuni ponti che necessitano di importanti lavori di consolidamento. Da jesina penso immediatamente a ponte San Carlo – si legge in una nota – A tale proposito, presenterò un’istanza in Regione affinché venga predisposto un bando straordinario, con relativi fondi, per la riqualificazione delle infrastrutture più a rischio nelle cinque province».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.