Moda e arte orafa in Piazza della Repubblica | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Moda e arte orafa in Piazza della Repubblica

JESI – Piazza della Repubblica si trasformerà in un grande palcoscenico a cielo aperto per la XI sfilata di moda “Alla corte di Federico”. La manifestazione, visto il successo dello scorso anno, sarà arricchita dalla prima edizione del concorso nazionale “Città di Jesi arte orafa e formazione”, ideato dall’agenzia Art&Works  Srl di Sandro Fiorentini, e si terrà il 16 e il 17 settembre alle 21. Il concorso ha come obiettivo quello di promuovere e valorizzare l’arte orafa e coniugare il mondo dell’istruzione, della formazione, dell’economia, della cultura e del turismo. Jesi ha una tradizione orafa secolare, affonda le sue radici nel Rinascimento, e attualmente è uno dei poli storici delle Marche in questo settore. Sono otto gli istituti superiori e licei artistici (ad indirizzo arte orafa) coinvolti e provenienti da tutta Italia i cui progetti sono stati selezionati da una commissione: Liceo Artistico Chierici di Reggio Emilia, Iis Cuoco-Manuppella di Isernia, Liceo artistico Design del Gioiello “Della Francesca” di Arezzo, Studio Arrais di Cagliari, Liceo Artistico Mannucci di Ancona, Iis classico e artistico di Terni, Associazione Perseo-Scuola di arte orafa e gioielleria di Firenze, Liceo artistico di Anzio. Fino a domenica 18 settembre, a Palazzo Pianetti, è stata allestita una mostra con i gioielli costruiti su progetti delle scuole orafe. L’esposizione, molto interessante, p visitabile utti i giorni (escluso il lunedì) dalle 10 alle 19.

“Il progetto “Alla corte di Federico – Arte Orafa e Formazione” vuole celebrare la tradizione orafa jesina e rilanciarne le potenzialità non solo occupazionali e di sviluppo, ma anche storico-culturali e di promozione turistica – ha evidenziato Luca Butini, assessore alla cultura – Per tale motivo l’amministrazione ha deciso di sostenerlo ed ha con successo  richiesto ed ottenuto l’adesione delle principali Associazioni di categoria del territorio. I team selezionati, provenienti da diverse città italiane, saranno a Jesi per sottoporre il proprio manufatto alla valutazione di esperti depositari di una antica tradizione artigianale-artistica; i vincitori saranno protagonisti di una sfilata di moda che consentirà di  proporre l’esito del loro lavoro al vasto pubblico. Creatività, capacità progettuali, raffinate abilità artigiane coniugate ad una organizzazione che ne consente un’immediata valorizzazione nel settore della moda. Uno stimolo ma anche una traccia  concreta per sostenere l’artigianato artistico nel nostro territorio”. Plaude all’iniziativa il prof. Massimo Campaioli, presidente orafi e gioiellieri Confesercenti di Firenze: “Il concorso scommette sulla  creatività giovanile ed ha portato alla progettazione ed alla realizzazione di prototipi di gioiello. C’è bisogno di far tornare i giovai a lavorare con le mani e con l’ingegno”. Venerdì 16 settembre le creazioni delle scuole saranno indossate da modelle e verranno presentate ad una giuria di esperti che decreterà in vincitore.

Sabato 17 invece, l’istituto vincitore sarà nuovamente in passerella con le sue creazioni per l’undicesima edizione della sfilata “Alla corte di Federico”, nata allo scopo di dare visibilità alle aziende presenti sul territorio marchigiano e alle attività commerciali del centro di Jesi che sono: Galleria del Bambino, Teodori maglificio, Ideadonna boutique, Loriblù calzaturificio, Newstyle acconciature, Carisma intimo, Emozioni D’Oro, HD Sposi, Rossini Ottica, Efusioni pellicceria, Loriblù calzaturificio, La Rosa Nera fiori e piante. La manifestazione vanta la partecipazione di Anton Giulio Grande talento calabrese dell’alta moda, di Nik Zaramella e Marta Porrà di Amici.

Domenica 18, inoltre, il tour guidato federiciano farà tappa in Pinacoteca dove sono custoditi i gioielli dedicati all’imperatore.

Sostengono l’iniziativa il comune di Jesi, la fondazione Pergolesi Spontini, la Confesercenti Marche, la Confartigianato imprese e la Regione Marche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.