Moie, all'asilo salta la recita di Natale: «Offende i bimbi di altre religioni» | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Moie, all’asilo salta la recita di Natale: «Offende i bimbi di altre religioni»

MOIE – Non ci sarà la recita di Natale per la scuola d’infanzia «Gianni Rodari». Genitori infuriati per la presa di posizione delle insegnanti che, vista la presenza nelle classi di bambini stranieri di fede non cristiana, avrebbero deciso di sospendere l’iniziativa per non creare malcontento e non offendere le sensibilità di chi professa una religione diversa. Il dibattito si è acceso sui social: «È come rinunciare ai nostri valori per favorire l’integrazione – fa sapere una mamma – . Decisioni così aumentano e fomentano l’odio. L’integrazione si fa in altri modi… ». L’annullamento dello spettacolo tanto atteso dai piccini lascia di stucco anche il sindaco Tiziano Consoli che, non d’accordo, ha dichiarato di voler approfondire la questione.

Nel dibattito interviene anche Irene Bini, capogruppo di Percorso civico, gruppo politico all’opposizione: «Ma il Consiglio di Istituto che dice? Non era possibile trovare in quell’organismo una sintesi? – dice – In un momento sociale e politico come questo una notizia cosi serve solo ad allontanare culture e religioni diverse. E francamente non ne sentivamo proprio il bisogno». E aggiunge: «Dal nostro punto di vista, la decisione (se quella citata è l’unica motivazione della scelta ) non favorisce il processo di integrazioni tra culture e religioni diverse, processo in cui la scuola è impegnata da anni. Crediamo che integrazione significhi aggiungere e non togliere. Quello che vorremmo è conoscere la posizione della scuola su questa vicenda, capire le motivazioni delle insegnanti e magari, al di là del polverone mediatico, provare a cercare una soluzione condivisa».

Parole anche da Aldo Cursi, ex consigliere comunale: «Questa è l’ integrazione che fa crescere il razzismo. Non credo che per bambini di un’altra religione assistere ad una recita dove si parla del Natale ne urti la sensibilità e non credo che neanche le loro famiglie si sentano offese».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.