Moie e Mokonissa, un legame lungo più di 30 anni. | Password Magazine

Moie e Mokonissa, un legame lungo più di 30 anni

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MOIE – Da oltre 30 anni a Moie, una fitta rete di benefattori, contribuisce al sostentamento di molti bambini, abitanti del villaggio di Mokonissa in Etiopia, attraverso il sistema delle adozioni a distanza. L’adozione consiste nel donare una somma di denaro in favore di questi bambini, grazie alla quale i Missionari Cappuccini delle Marche, operanti in territorio etiope, potranno provvedere al loro mantenimento, dato che molto spesso questi bimbi sono nati in condizioni di gravissima povertà.

mokonissa2
Foto dal sito www.missionicappuccini.it

L’azione di sostegno alla popolazione, con particolare riferimento soprattutto ai più giovani è avvenuta anche tramite la costruzione di asili, scuole e ospedali e in questo si ricorda l’inaugurazione, nel novembre del 1999, di una Scuola di Taglio e Cucito, con importante ruolo anche comunitario, denominata Città di Moie, a cui presenziò una delegazione di cittadini moiaroli-maiolatesi, guidata dal Sindaco di allora Sergio Cascia.
Nel tempo, moltissime persone hanno partecipato alle missioni organizzate dai Cappuccini a Mokonissa, recandosi direttamente sul posto, in modo da rendersi conto delle reali condizioni in cui i bambini vivono. Nel 2018 si contarono oltre 300 bambini adottati dal «meraviglioso gruppo di Moie», definito così da Edda Guerro, che dall’inizio di questa avventura, trent’anni fa, si è impegnata e tutt’ora si impegna in prima linea, portando avanti anche un progetto con la scuola primaria dell’Istituto Comprensivo “Carlo Urbani”.

edda guerro
Edda Guerro

Edda infatti, ogni anno durante il periodo natalizio si reca nella scuola elementare per spiegare ai bambini che loro hanno due fratellini africani, adottati in collaborazione con le maestre e chiede ai piccoli studenti di fare l’ormai famoso “fioretto” di pochi euro per contribuire in maniera concreta ad aiutare i fratellini etiopi. Ogni anno i frati Cappuccini in missione a Mokonissa inviano a Moie, una foto dei vari bambini per rendere partecipi i “genitori adottivi” dell’evoluzione del bambino: «Non dobbiamo prendere la foto e nasconderla in una cassetto, ma mettiamola bene in vista in modo che possiamo sentire il ragazzo veramente parte  della famiglia»  sottolinea Edda Guerro che tiene a notare come questo progetto sia un qualcosa nato spontaneamente che non prevede capi, in cui ognuno ha il suo compito.
«Fino a poco tempo fa, insieme con altri volontari, andavamo nelle chiese dei paesi vicini per promuovere la nostra iniziativa e raccogliere fondi per sostenere i nostri bambini, ma da qualche tempo per vari motivi questo non è più possibile, perciò è importante che i giovani si avvicinino alla nostra realtà”, conclude la signora Guerro, che è stata premiata dal Comune di Maiolati Spontini con lo “Spontini d’Oro”, che ci tiene a rimarcare  «non è per me, ma per l’associazione».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.