Moie, il ricordo di Livio Lorenzetti | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Moie, il ricordo di Livio Lorenzetti

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MOIE – Addio a Livio Lorenzetti, 73 anni, venuto a mancare lo scorso 11 maggio e i cui funerali si sono celebrati sabato con le onoranze funebri Anibaldi-Pandolfi.

Nel mandato del sindaco Sergio Cascia tra il 1999-2004, è stato consigliere comunale e ha ricoperto per un periodo l’incarico di assessore, dal 24 ottobre 2002 fino al 12 giugno 2004, con delega al Patrimonio, Verde Pubblico, Protezione Civile e Servizi Cimiteriali.

«Appassionato del suo paese, aveva il piacere di fermarsi per due parole con tutti, curioso e socievole – è il ricordo della famiglia – Livio Lorenzetti è stato sempre presente, sia da cittadino, sia da consigliere comunale e da assessore, alla vita della comunità». La famiglia ringrazia per i molti messaggi di condoglianze ricevuti e i tanti che sono andati alla sala del commiato e in chiesa. «La notizia della sua morte così improvvisa ha lasciato incredule le tante persone che lo hanno conosciuto nei diversi ambiti del suo impegno e che ne hanno apprezzato i modi affabili e la serietà nel lavoro e negli ambiti di impegno. Nato a Montecarotto il 5 marzo del 1949, è residente a Moie dal 1977 ma ha sempre mantenuto un forte legame con il suo paese di origine. È stato il segretario del Gruppo Sportivo Moie dal 1983 al 1991, quando presidente era David Galeassi, suo amico. Dopo la pensione, si è dedicato al servizio di trasporto sociale intercomunale con l’associazione Auser Media Vallesina, dal 2014 al 2017.

Livio Lorenzetti
Celebrazione di un 25 Aprile in piazza Santa Maria con il sindaco Sergio Cascia

Pronto a coinvolgersi nella vita amministrativa del comune, aveva contribuito alla nascita della lista civica Insieme per i Cittadini, nel 1994. Nel mandato del sindaco Sergio Cascia tra il 1999-2004, è stato consigliere comunale ed ha ricoperto per un periodo l’incarico di assessore con delega al Patrimonio, Verde Pubblico, Protezione Civile e Servizi Cimiteriali. Aveva preso a cuore il mandato affidatogli e aveva instaurato un rapporto di fiducia reciproca con i dipendenti e con gli altri componenti della giunta comunale, riuscendo in questo modo a portare a termine le richieste della cittadinanza. Si era impegnato tanto per la realizzazione in tempi brevi della palazzina per il centro sociale di via Macerata e per l’intitolazione a don Egidio Lorenzetti, il 16 maggio del 2004, nel desiderio di ricordare alla comunità il parroco che aveva dedicato tutto se stesso ai giovani del paese e aveva affrontato i pericoli della guerra, pur di salvare le persone». 

Alla sua famiglia sono arrivati tantissimi messaggi di condoglianze e testimonianze di stima. A conclusione della celebrazione del funerale, nella chiesa Cristo Redentore di Moie, sabato pomeriggio 14 maggio, il suo amico David ha desiderato leggere una sua lettera dedicata a Livio. «Ciao Livio, questo te lo devo… oggi pomeriggio siamo tutti qui per te, ci hai chiamato per darci l’ultimo saluto. Ci siamo conosciuti nel lontano 1979, quando entrambi abbiamo comperato casa a Moie in via Pergolesi, stessa palazzina, le nostre famiglie sono cresciute di pari passo con due figlie femmine e ci scambiavamo con piacere gli inviti a tutte le cerimonie. Io facevo parte del glorioso GS Moie e un giorno ti invitai a farne parte: tu hai accettato con entusiasmo e ne diventasti il segretario, facendoti conoscere per la tua simpatia, per le tue qualità umane e di grande comunicatore. Finita quell’esperienza, hai fatto parte della giunta Cascia come assessore. Nel frattempo, con il nostro gruppo di amici, tutti vicini di casa, tre o quattro volte l’anno organizzavamo pranzi o cene e abbiamo anche creato un gruppo Whatsapp: io inviavo gli inviti, ma nessuno mai rispondeva, dovevi intervenire sempre tu per farsi dare conferma. Abbiamo passato tanti bei momenti in compagnia, normalmente ci incontravamo tutte le domeniche in chiesa Cristo Redentore alle 11,30 e chi arrivava prima teneva il posto all’altro, come i ragazzini. Tornavamo a casa a piedi, facevamo quattro chiacchiere, ci raccontavamo di noi. Ricordo bene domenica 10 aprile quando mi hai detto: “David!! Mercoledì parto per Bologna, per la famosa operazione rimandata causa covid” E io ti dissi: “Vai tranquillo, ci vediamo al ritorno”. E tu mi hai risposto: “Speriamo!” Questo è stato il nostro ultimo incontro. Ciao Livio, ciao amico mio, amico di tutti noi. Ci mancherai. Riposa in pace».

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.