Moie, in mostra il testo della fine del Cinquecento sull'istituzione della fiera, una delle più antiche della Regione | Password Magazine

Moie, in mostra il testo della fine del Cinquecento sulla fiera

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MOIE – È una delle fiere più antiche, con ben 425 edizioni sulle spalle, della nostra regione. E proprio a ridosso del 426esimo appuntamento, il prossimo martedì 9 settembre, quando la cittadina di Moie sarà invasa da bancarelle e stand di ogni tipo, l’Amministrazione comunale presenta alla cittadinanza il testo del 1588 con i documenti istitutivi della “Fiera del Piano di Santa Maria delle Moglie” e l’opuscolo realizzato dal conservatore museale Marco Palmolella, che raccoglie le parti salienti del volume storico consentendone la conoscenza e la diffusione dei contenuti.

L’esposizione del prezioso testo, acquistato dal Comune nei mesi scorsi, e la presentazione dell’opuscolo avverranno nell’ambito della mostra pittorica di Gabriele Maria Piccioni, che si inaugura domenica 31 agosto, alle ore 17, nei locali della Sala Capitolare, adiacenti all’abbazia romanica di Santa Maria di Moie, alla presenza dell’artista e delle autorità comunali.

La mostra di Piccioni, dal titolo “Segni di vita”, che ospita anche l’esposizione del volume e della pubblicazione del Comune, rientra nel programma dei festeggiamenti per il patrono, Santa Maria, che cade l’8 settembre, e resterà aperta ogni pomeriggio e nelle mattinate festive fino al 9 settembre, il giorno appunto della fiera, consentendo ai cittadini di toccare con mano un pezzo della storia della cittadina.

Fra gli aspetti più interessanti, il documento calligrafico che illustra l’istituzione di una tra le più antiche fiere dello Stato Pontificio, concessa alla comunità maiolatese dal Papa marchigiano Sisto V, il 12 luglio del 1588. Nel volume si parla anche delle altre fiere del territorio comunale, concesse al castello di Maiolati e alla contrada di Monteschiavo nel 1753.

“Abbiamo voluto ricordare alla cittadinanza, ai visitatori e agli operatori economici – spiegano il sindaco Umberto Domizioli e l’assessore alle Attività produttive Fabrizio Mancini – l’antica origine delle nostre fiere. Si è cercato di recuperare la memoria storica del nostro Comune a vantaggio della cultura locale e dell’identità della stessa comunità. Mentre cerchiamo di gestire nel migliore dei modi il presente e di progettare il futuro qualificato del nostro territorio comunale, non dobbiamo dimenticare i fatti, gli eventi più importanti della storia maiolatese”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.