Moie, inaugurata al Polo Scolastico la «Bottle Free Zone» | Password Magazine

Festival Pergolesi

Moie, inaugurata al Polo Scolastico la «Bottle Free Zone»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MOIE- Si conclude oggi la settimana dedicata al progetto «Together- To Get There» a cui ha preso parte l’Istituto Comprensivo Carlo Urbani di Maiolati Spontini e nell’ambito del quale sono giunti 21 insegnanti  provenienti da cinque diversi paesi europei, quali Spagna, Cipro, Grecia, Finlandia e Croazia.

Il progetto prevede una cooperazione di ampia portata per lo studio e la sensibilizzazione ambientale in merito ai temi dell’inquinamento e per la salvaguardia dell’acqua, dell’aria e della terra. Coinvolgendo persone provenienti da cinque paesi con culture così dissimili, questa è anche un’occasione di scambio di buone pratiche e di confronto.

Quest’anno, la Scuola ha deciso di applicare in maniera concreta una soluzione al forte inquinamento dovuto alla plastica, realizzando una «Bottle free zone», ossia un distributore di acqua microfiltrata, all’interno dell’istituto scolastico.

All’inaugurazione tenutasi in mattinata hanno preso parte oltre alle coordinatrici del progetto per l’istituto Carlo Urbani, Alessandra Grizi e Patrizia Barboni, e agli ospiti internazionali, anche il Dirigente Scolastico Vincenzo Moretti e l’assessore al bilancio del comune di Maiolati Spontini Cristiano Montesi.

«In questo momento è fondamentale essere uniti e abbiamo dimostrato tramite gli insegnanti un forte spirito di collaborazione nell’ottica di una centrale cooperazione tra le realtà. – commenta a Password il dirigente Moretti. Abbiamo raggiunto pienamente l’obiettivo che è quello di lavorare, condividere e cooperare tra di noi per la realizzazione delle varie attività ma anche con gli insegnati stranieri».

«Progetti come questi – conclude Moretti- sono un valore aggiunto per una scuola non più autoreferenziale, che si deve confrontare, mettere in gioco, applicare a progetti e sfide che servono per far crescere sia i nostri insegnati dal punto di vista professionale che i nostri alunni, i quali giovano di queste importanti opportunità formative».

Esprime soddisfazione anche l’amministrazione comunale, nelle parole dell’assessore Montesi:

«Il lavoro che stanno facendo gli insegnati è fantastico, stanno piantando semi in ogni luogo,  che fioriranno e diventeranno donne e uomini capaci di applicarsi correttamente al mondo contemporaneo.

Il Comune ha in parte contribuito a quest’opera, dimostrando la consueta attenzione al tema ambientale e alle esigenze della scuola, ma se questo progetto si è realizzato è merito esclusivo dell’Istituto in ogni sua componente, che ha lavorato al meglio per arrivare a questo punto».

La giornata non si conclude qui; nel pomeriggio è  previsto un convegno alla Biblioteca La Fornace dal titolo «Healty life in healty planet” a cui prenderanno parte gli insegnati europei, ricercatori e giovani visionari.

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.