Moie, inaugurata la mostra di Dellabella: «La tradizione in un chiave futuristica» | | Password Magazine
Banner4Baffi

Moie, inaugurata la mostra di Dellabella: «La tradizione in un chiave futuristica»

Il taglio del nastro

MOIE – Un linguaggio artistico che sa abbinare la tradizione al futurismo. Con queste parole è stata battezzata ieri la personale di Cristiano Dellabella , “Le chimere delle colline”, mostra allestita nella sala capitolare della chiesa di Moie, organizzata dalla Parrocchia Santa Maria con il patrocinio dell’Amministrazione comunale.

Potrà essere visitata fino a domenica 8 settembre, festa della patrona Madonna della Misericordia.

Dellabella, artista di Cupramontana da sempre sensibile ai temi del riuso creativo dei materiali, ha proposto al pubblico opere realizzate in ferro, recuperando vecchi rottami e riadattandoli a nuove forme. L’allestimento è stato curato da Sara Tassi. «Questa mostra ha il desiderio – spiega la storica e critica dell’arte residente a Moie – di raccontare il lavoro artistico e artigianale di un uomo delle nostre colline, delle nostre terre, farlo conoscere a chi non ha ancora avuto modo di scoprirlo, far in modo che possa oltrepassare i confini locali proiettandolo in un futuristico avvenire, certi che le Chimere delle colline possono parlare a tutti, far sognare coloro che le ammirano e diventare parte della storia di ognuno». Al taglio del nastro, oltre all’artista e ai curatori della mostra, anche il sindaco Tiziano Consoli e l’assessore alla Cultura Deborah Caré.

Oggi  e domenica 8 settembre la mostra sarà aperta dalle 9 alle 12,30 e dalle 17 alle 22, nelle altre giornate sarà aperta dalle 18,30 fino alle 22. I visitatori della mostra avranno la possibilità di essere guidati nella lettura e nella spiegazione delle opere dallo stesso Dellabella.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.