Moie, individuata l’area di atterraggio non convenzionale per l’elisoccorso - Password Magazine

Festival Pergolesi

Moie, individuata l’area di atterraggio non convenzionale per l’elisoccorso

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MAIOLATI SPONTINI – L’Amministrazione comunale di Maiolati Spontini ha avviato l’iter per la realizzare una nuova elisuperficie, adeguata al volo notturno, destinata alle attività di Protezione civile e inquadrata nella rete “Elisuperfici Marche (R.E.M.)” utilizzate dal Servizio medico di emergenza con elicotteri della Regione Marche. La zona individuata è quella dello svincolo di Moie della Strada Statale 76. Si trova a circa 200 metri dall’uscita e a un chilometro dal centro abitato di Moie, in una zona completamente pianeggiante e facilmente raggiungibile da tutte le direzioni. Un’area che corrisponde ai criteri individuati dalla Regione Marche per la realizzazione delle elisuperfici.

Il primo passo è stato l’autorizzazione come punto di atterraggio non convenzionale, cioè il riconoscimento di infrastruttura idonea e già collaudata ma non provvista ancora di alcuna struttura. La richiesta inoltrata alla Regione Marche rappresenta un primo passaggio, quello successivo sarà la realizzazione delle infrastrutture e di conseguenza il riconoscimento di punto di atterraggio convenzionale.

«Attualmente, nel comune di Maiolati Spontini, non vi sono aree specifiche per l’atterraggio degli elicotteri in servizio di emergenza – spiega il sindaco Tiziano Consoli – ma vengono utilizzati, in caso di necessità, i campi sportivi presenti all’interno del territorio comunale, “Pierucci” e “Grande Torino”, nella cittadina di Moie, e “Scirea”, a Maiolati Spontini. Inoltre, il campo sportivo “Grande Torino” di Moie, avendo il manto in erba sintetica, non è da considerare perfettamente idoneo come elisuperficie di emergenza. Pertanto, con l’obiettivo di aumentare maggiormente la sicurezza dei propri cittadini in caso di emergenza e per garantire soprattutto la sicurezza delle operazioni di soccorso effettuate con l’elicottero, abbiamo deciso di individuare un’area idonea a tale scopo». 

L’elisuperficie verà e propria dovrà prevedere, oltre a una strada di accesso e agli spazi di manovra per mezzi di soccorso, una recinzione completa dell’area con cancello o sbarra di protezione, segnaletica orizzontale e verticale, impianto di illuminazione a terra e segnalazione ostacoli. 

Sabato mattina (5 marzo), alle ore 12, condizioni meteo permettendo, ci sarà il primo atterraggio, come test ufficiale, dell’eliambulanza Icaro, alla presenza dell’assessore regionale alla Sanità Filippo Saltamartini e del consigliere regionale Marco Ausili, che ha contribuito a coordinare l’iter del progetto, che ha visto la collaborazione fra Comune e Regione.

«Questa base di atterraggio non convenzionale – dichiara l’assessore regionale Saltamartini – fa parte di una rete di infrastrutture di cui la Regione si è dotata per consentire i soccorsi attraverso l’eliambulanza. Fa parte di una rete di 45 punti di atterraggio convenzionali e 8 non convenzionali, sui quali si può atterrare sia di giorno che di notte con mezzi che abbiamo acquisito. Mezzi che possono atterrare anche su superfici non illuminate, quali sono le basi di atterraggio non convenzionali appunto, grazie a visori notturni. Questo è necessario per garantire un soccorso rapido ai cittadini, ad esempio nel caso di gravi traumi, ma anche per emergenze diverse come quelle di Protezione civile. La Regione continuerà in questa direzione per raggiungere capillarmente tutti i territori perché l’accesso al soccorso e alle cure è imprescindibile nella società contemporanea ».

Il consigliere regionale Ausili ringrazia il sindaco Consoli per l’iniziativa «ben contento – sottolinea – di aver contribuito a questa nuova elisuperficie, di cui beneficerà l’intera Vallesina e che rappresenterà un importante strumento per implementare il servizio di emergenza urgenza in questo territorio. Ringrazio per il supporto la consigliera comunale Romina Pieralisi e i Circoli FdI Vallesina che da tempo mi hanno rappresentato le maggiori questioni di questa area, cui la Regione guarda con particolare attenzione».

Interverranno all’incontro nell’area individuata per l’elisuperficie anche i rappresentanti del Comitato di Castelplanio della Croce Rossa e i gruppi di Protezione civile che sino ad oggi hanno gestito l’emergenza Covid, prodigandosi nelle attività di accoglienza e coordinamento del Centro vaccinale allestito nei locali comunali di via Carducci, a Moie, e che ha raggiunto in poco più di due mesi la soglia di oltre 14.000 somministrazioni di siero anti-Covid. 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.