Moie-Jesi: incontri seminari "Insieme per il diritto alla salute in Africa" | Password Magazine
Festival Pergolesi

Moie-Jesi: incontri seminari “Insieme per il diritto alla salute in Africa”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MOIE – L’Università degli adulti dell’Unione dei Comuni della Media Vallesina organizza per venerdì 4 aprile, alle ore 18, alla biblioteca La Fornace di Moie, un incontro-seminario con il Comitato Collaborazione Medica, per la campagna “Sorrisi di madri africane”. L’iniziativa, che vanta il patrocinio del comune di Jesi, si articola in due appuntamenti. Dopo quello di venerdì a Moie, infatti, si terrà un altro incontro a Jesi, sabato 5 aprile (ore 17,30), a Palazzo dei Convegni. In entrambe le occasioni i relatori saranno Stefano Dacquino, medico volontario, e Silvia Pescivolo, referente dei volontari, per il Comitato Collaborazione Medica.

L’appuntamento di Moie alla Fornace sarà aperto dagli interventi del presidente dell’Unione dei comuni della Media Vallesina Olivio Togni e della presidente dell’Università degli adulti Letizia Saturni.

“Abbiamo deciso di conoscere ed approfondire questa realtà – spiega la presidente Saturni riguardo alla campagna Sorrisi di madri africane – poiché l’Università, ben radica sul territorio, può e deve aprirsi a realtà più complesse, articolate e ampie. I tempi sono maturi per ampliare ed intenderela Cultura in modo internazionale ed ampio. Il Comitato di Collaborazione Medica è un’organizzazione non governativa, fondata nel1968 a Torino. Lavora in un’ottica diversa da quella che siamo abituati a vivere, infatti non porta ‘aiuti’ quanto piuttosto cultura. Vuole infatti promuovere il diritto alla Salute e garantire l’accesso alle cure primarie. Forma personale medico sanitario e collaboratori locali aiutando tali popolazione a crescere in conoscenza e formazione”.

La Campagna”Sorrisi di Madre Africane” che verrà lanciata in tale occasione “vuole, attraverso un’attività di sensibilizzazione, sostenere la salute delle donne e dei bambini africani”.

La sfida lanciata “Lo sapevi che… il caffè fa bene alle mamma?” prende spunto dalla tradizionale usanza napoletana di lasciare un caffè pagato (il sospeso). Ognuno di noi prendendo un caffè ne potrà lasciare uno pagato!
L’obiettivo è assistere 200.000 donne durante la gravidanza ed il parto, visitare, curare e vaccinare 500.000 bambini, formare 1.700 operatori ristrutturare e potenziare 27 strutture sanitarie.
“In qualità di anche di Presidente FIDAPA – continua Saturni – ho proposto il tutto anche in ambito cittadino e dunque all’Amministrazione comunale di Jesi all’interno Coordinamento Donne nella persona dell’assessore Marisa Campanelli, perchè credo che rispecchi a pieno il tema dell’anno ossia il ruolo delle associazioni femminili in una società in continua evoluzione”. E aggiunge “Credo che solo facendo una rete solida, dotta e gioiosa, si possa rinsaldare la collaborazione oltre i confini”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.