Moie, la benedizione degli animali e la festa di Sant'Antonio Abate | Password Magazine

Moie, la benedizione degli animali e la festa di Sant’Antonio Abate

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MOIE – La tradizione vuole che Sant’Antonio Abate vissuto in Egitto tra il 250 e il 356, sia il protettore degli animali domestici. All’età di vent’anni abbandonò la sua vita agiata e si rifugiò in primis in una zona deserta, e poi sulle rive del Mar Rosso dove condusse vita di anacoreta. L’iconografia lo ritrae spesso circondato da animali domestici e non, le raffigurazioni più comuni lo rappresentano insieme ad un maiale. Accanto a Sant’Antonio arde sempre un fuoco, “il fuoco di S. Antonio”. La dolorosissima e pericolosa infiammazione virale era ed è comunemente così chiamata perché per la guarigione si invocava Sant’Antonio abate, che aveva sopportato nel suo corpo piaghe molto dolorose scatenate da Satana.

All’interno dell‘Abbazia di Santa Maria, collocato nell’abside laterale sud,  vi è un cinquecentesco dipinto che raffigura Sant’Antonio Abate vestito con abiti vescovili, con la mitria ed il pastorale, seduto su di un trono. Sullo sfondo si intravedono un maiale nero, un bue, un fuoco, una campanella e delle palme , i suoi simboli caratteristici. I riti e le usanze legate alla sua festa sono molteplici. A Moie in passato i contadini assai numerosi, andavano alla funzione religiosa presso l’Abbazia di Santa Maria con un “fascetto” di fieno. Solitamente questi “fascetti”  venivano legati con del vimine. Il fieno una volta benedetto, verso la fine della funzione religiosa, veniva successivamente distribuito agli animali. Altri contadini invece facevano benedire il grano oppure il granoturco. La tradizione a Moie è ancora viva, anche se ha una minore importanza rispetto al passato, grazie all’impegno  della Parrocchia di Santa Maria. Quest’anno la tradizionale festa di Sant’Antonio Abate è stata celebrata a Moie oggi nell’Abbazia di Santa Maria. Il vescovo Diocesano ha presieduto la Santa Messa delle 11,30; le altre messe sono state celebrate alle 8,30, alle 10.00 e alle 18,30. La distribuzione del pane benedetto è dalle ore 8,15 alle 13.00 e dalle 16.00 alle ore 19.00.La benedizione degli animali domestici è avvenuta nel cortile di Santa Maria alle ore 17.00.

Testo di: Daniele Guerro
Foto: Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.