Moie, le tradizioni culinarie del giorno di Pasqua | Password Magazine

Moie, le tradizioni culinarie del giorno di Pasqua

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MOIE- Facendo riferimento ad interviste fatte in epoca non pandemica ad alcuni anziani dallo studioso moiarolo Daniele Guerro, è nostra intenzione far riemergere alcune tradizioni culinarie strettamente legate alla comunità di Moie.

Con la fine  del periodo quaresimale, caratterizzato da un estrema frugalità, la Pasqua era ed è tradizionalmente  sinonimo di abbondanti colazioni e pranzi.

In una Moie di metà ‘900 la domenica pasquale infatti, la colazione era molto ricca: si serviva la frittata con il mentrasto, uova e pizza di formaggio. La tavola era apparecchiata come lo era il sabato nel momento della benedizione del sacerdote.

Le uova, nel giorno di Pasqua, venivano dipinte: infatti spesso erano poste in una pentola con la carta velina, in modo da prenderne il colore. In alternativa, per fare le uova verdi, le si bollivano con gli spinaci, mentre per farle arancioni veniva aggiunto alle uova l’aceto con una cipolla rossa.

Dopo una colazione tanto importante, il pranzo veniva posticipato dal consueto orario, in modo da poter godere a pieno delle delizie, preparate con cura e devozione.

La portata principale era ovviamente l’agnello arrosto accompagnato da erbe cotte e anticipato da una pasta, spesso tagliatelle, in apertura.

Non tutti a Moie però preparavano l’agnello; alcune signore ricordano come nelle loro case era usuale cucinare il coniglio o il capretto in padella, rigorosamente accompagnati da un bicchiere di buon vino bianco.

A fine pranzo veniva messo in tavola un ciambellone come dolce. Anche qui c’è però una variante rappresentata da ciambelle con glassa, ornate da confetti colorati.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.