Moie, oltre 2 milioni di euro per la nuova Caserma dei Carabinieri | | Password Magazine

Moie, oltre 2 milioni di euro per la nuova Caserma dei Carabinieri

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MOIE  – La stazione dei carabinieri di Moie avrà una nuova collocazione nell’edificio, di proprietà del Comune, che ospita attualmente la sede della scuola secondaria di primo grado, in via Gramsci. Edificio che rimarrà a breve inutilizzato perché la scuola si trasferirà, per il prossimo anno scolastico, nel nuovo polo scolastico di via Trieste. Una soluzione, quella per la stazione dei Carabinieri, concertata con i vertici locali e provinciali dell’Arma e che si concretizzerà nel giro di quattro anni. I militari lasceranno, quindi, la sede di via Trieste, realizzata in un immobile privato non più idoneo e non funzionale alle attività da svolgere.

La Giunta comunale ha approvato il progetto preliminare–definitivo dei lavori, consegnato dal progettista incaricato Patrizia Angeli. Nei giorni scorsi la copia del progetto è stata consegnata al maresciallo capo dei Carabinieri di Moie Sandro Troiano perché la trasmetta a sua volta al comandante della Compagnia di Jesi, a quello provinciale di Ancona e quindi al Comando Generale dell’Arma per dare inizio all’iter di approvazione ufficiale. Il progetto prevede l’utilizzo completo dell’ala più antica dell’attuale sede della scuola media e di parte del piano terra dell’ala di più recente costruzione. La caserma sarà realizzata a piano terra, i locali di servizio per i carabinieri al primo piano e due appartamenti per i militari al secondo. I lavori porteranno, quindi, alla separazione strutturale delle due “ali” dell’edificio, alla riqualificazione interna e a una nuova distribuzione dei locali, al completo rifacimento di tutta l’impiantistica con solare-termico, fotovoltaico e pompa di calore e alla riqualificazione esterna con la ripresa di tutto l’intonaco e il rivestimento con “cappotto”. L’importo complessivo dei lavori è previsto in 2 milioni e 375.000 euro.

Il costo ha un impatto rilevante sul bilancio e sul Piano triennale delle Opere pubbliche ma l’Amministrazione ha deciso di sostenerlo perché ritiene strategica la presenza di un presidio dell’Arma nel territorio comunale in locali idonei. L’opera è un po’ il passaggio di consegna ideale fra la Giunta Carbini e quella Domizioli, con un progetto strategico che ha avuto un iter a cavallo del 25 maggio, data delle ultime elezioni amministrative. “Un progetto che ha assunto le caratteristiche di priorità – spiegano il sindaco Umberto Domizioli e il vice sindaco Giancarlo Carbini – per creare le migliori condizioni ai Carabinieri per rafforzare la loro presenza a Moie e metterli in condizioni logistiche ideali”. Con la partenza dell’iter del progetto, inizia anche quello della definizione della convenzione fra Comune e Prefettura di Ancona, che si accompagnerà all’approvazione finale del progetto e darà seguito all’iter di costruzione. Nella Convenzione dovranno essere previste, così come deliberato dal Consiglio comunale, alcune garanzie da parte dell’Arma, come quella di mantenere la presenza dei Carabinieri a Moie. “L’intervento nasce da un’attenta analisi – spiegano sempre il sindaco e il vice – dello stato attuale dell’intero complesso edilizio e dell’area circostante. La scelta di recuperare il fabbricato esistente, senza demolizione totale e ricostruzione ma mantenendo in essere la struttura portante, è nata da una parte dall’urgente esigenza di trasferimento della locale Stazione dei Carabinieri, e dall’altra dalla volontà dell’Amministrazione di recuperare un edificio di cui è proprietaria che sarebbe rimasto improduttivo ed avente, comunque, bisogno di manutenzione una volta avvenuto il trasferimento della scuola secondaria di primo grado nel nuovo polo scolastico. Non è stato trascurabile nella scelta anche il fatto che il Comune non dispone attualmente di altri terreni idonei e che, per la realizzazione di una nuova caserma per i carabinieri, sarebbe stato eventualmente necessario acquistare un terreno di superficie compresa tra un minimo di 700 mq ed un massimo di 900 mq. La volontà, quindi, è stata quella di restituire alla cittadinanza l’uso dell’edificio per una funzione indispensabile per la Comunità che è quella della garanzia della sicurezza seguendo comunque il criterio del maggiore contenimento possibile della spesa. La priorità del riuso e della rigenerazione edilizia del suolo edificato esistente, rispetto all’ulteriore consumo di suolo inedificato, costituisce, oltretutto, principio fondamentale della materia del governo del territorio. Certamente, la scelta adottata dall’Amministrazione si orienta nella direzione delle messa in campo di tutte quelle azioni rivolte alle attività di manutenzione e messa in sicurezza del proprio patrimonio edilizio, del territorio e  della tutela del paesaggio”.

Anche la valutazione in termini di rapporto costi-benefici ha fatto optare per la scelta di conservare l’edificio in muratura e di abbandonare l’idea di demolirlo e ricostruirlo. Questo perché non si rende necessaria nessuna variante al PRG, perché non vi sarebbero costi per lo smaltimento differenziato dei materiali di risulta, per il montaggio di ulteriori ponteggi sul perimetro dell’edificio in muratura rispetto a quelli strettamente necessari e per altre lavorazioni. Gli interventi di recupero del fabbricato esistente comportano un minimo disturbo per l’area circostante tanto da renderla fruibile con poche opere e costi contenuti consentendo di differire le sistemazioni esterne al secondo lotto funzionale. Procedendo con una demolizione e ricostruzione, occorrerebbe procedere nel primo lotto ad una risistemazione delle aree esterne con aggravio di costi che non troverebbero copertura finanziaria.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.