Moie, scuola: il dirigente Moretti fa chiarezza su Dad e protocolli | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Moie, scuola: il dirigente Moretti fa chiarezza su Dad e protocolli

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MOIE-  «Non nascondo la condizione di forte disagio legata alla situazione emergenziale, ma trovo quantomeno ingeneroso puntare il dito contro un’istituzione in prima linea, che lavora giorno e notte anche nei festivi per risolvere i problemi e garantire il servizio», cosi Vincenzo Moretti, Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo Carlo Urbani di Moie risponde su Password alle accuse lanciate da alcuni genitori.

Secondo quest’ultimi infatti la Scuola secondaria di primo grado di Moie non rispetterebbe i protocolli e le indicazioni ministeriali inerenti la DAD, creando disguidi e confusione. «Le famiglie degli alunni dell’IC – è la segnalazione inviata da genitori a Password – sono stanche di non vedere applicate le disposizioni di legge previste per la didattica in presenza nelle classi dei propri figli. Intere classi sono poste in Dad con un messaggio WhatsApp divulgato dal rappresentante di classe che recita un messaggio a sua volta informalmente recapitatogli dal personale scolastico dove si spiega che – nel frattempo che la scuola verifichi i green pass –  la classe inizia la Dad. Invece i presupposti normativi garantirebbero la scuola in presenza, quantomeno per alcune categorie di alunni, cioè i vaccinati e i guariti da covid da meno di 120 giorni. Secondo la circolare 11 dell’8 gennaio 2022 – proseguono le famiglie – del Ministero della Salute e del Miur, infatti, con la comparsa di due casi positivi in classe, dovrebbero andare in DAD solo chi non ha completato i ciclo vaccinale e non è guarito dal covid da almeno 120 giorni, permettendo ai possessori di super green di partecipare alla didattica in presenza».

Il dirigente Moretti non nega che ci possano essere stati dei disagi, soprattutto nel periodo della ripresa delle attività dopo le vacanze natalizie ma questi sono spesso frutto dell’enorme mole di lavoro che l’Asur, vista la situazione contingente, ha accumulato e perciò si generano ritardi sulle comunicazioni di carattere sanitario. Moretti comunque non colpevolizza l’Azienda sanitaria locale con la quale afferma invece di avere sempre avuto uno stretto rapporto di cooperazione. «I protocolli sono sempre stati rispettati – sostiene il Dirigente -.  Essi prevedono infatti che il giorno seguente l’accertamento del secondo caso positivo, tutto il gruppo classe vada in DAD, teoricamente per un giorno, in attesa del provvedimento e delle valutazioni di natura sanitaria. Queste non sono in capo alla scuola, ma alle autorità sanitarie. Solo da pochi giorni la scuola può accedere alla piattaforma dove sono indicati gli alunni vaccinati, prima noi non avevamo la possibilità di fare valutazioni in merito».

Il dirigente scolastico tiene tuttavia a sottolineare come con le famiglie da sempre c’è stato un rapporto di collaborazione molto forte che ha permesso di superare complesse situazioni avverse.

«Il disagio c’è ed è per tutti: famiglie e scuola. In questo momento di difficoltà tutto l’apparato scolastico sta dando prova di grande forza e dedizione, lavorando fino a tardi, anche la domenica per dare risposte e far si che tutte le attività possano essere svolte al meglio. Chiedo scusa a nome dell’istituzione se sono state causati inconvenienti, ma ribadisco che l’impegno di tutto il nostro apparato in prima linea è massimo. E’ doveroso oltretutto sottolineare come non ci sia un “caso Moie”, che veda la scuola secondaria epicentro di contagio. I numeri delle classi in DAD e dei ragazzi in quarantena sono sicuramente importanti ma riflettono ne più ne meno la media italiana a cui siamo pienamente allineati. Ritengo, infine, che l’unico modo per superare i disagi e le problematiche siano degli atteggiamenti di collaborazione, rispetto e fiducia reciprochi; puntare il dito non ci aiuta in questa fase ma anzi rischia di acuire i disagi».

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.