Moie, torna la Festa dello storico rione delle Casette

MOIE –Si festeggia anche quest’anno la tradizionale Festa delle Casette, arrivata alla sua quattordicesima edizione. La festa paesana ricorda le origini del quartiere storico di Moie. «I primi moiaroli hanno costruito qui le loro case, a ridosso dei campi che coltivavano dall’altra parte del fiume – ricordano gli organizzatori – Inizialmente erano capanne, poi sono diventate case e così anche negozi e attività: c’erano la ferramenta, la macelleria, l’arrotino, il calzolaio, il forno a legna e un negozio di generi alimentari. La strada e la piazzetta erano il teatro di gioco dei ragazzini. Ora quei ragazzini sono cresciuti e il quartiere è diventato negli anni il luogo della memoria storica della cittadina e il ritrovo di amici storici, ma anche di nuovi arrivati ». L’8 agosto, alle 19.30, in piazza Santa Maria si apriranno i festeggiamenti con l’aperitivo delle casette, per poi proseguire la cena con i piatti preparati dai volontari, coordinati dal comitato organizzatore dell’evento. La “Lotteria delle Casette” assegnerà i premi donati dai vari commercianti di Moie ai vincitori.

La festa inizierà alle ore 19.30 in Piazza Santa Maria con il famoso:
APERITIVO DELLE “CASETTE” e poi seguirà la cena.
Adesione e Prenotazione: CAFFE’ JANUS E L’EDICOLA LUDOVICO
Entro e non oltre 7 Agosto

Là de dietro le Casette

Eran proprio in diciasette,
tutte quante le Casette
co’ giù da piedi de la via
la chiesa de Santa Maria.

E all’inizio c’era Flora,
gran profumo lì de fora:
‘n forno pe’ pizza e pa’
fa pià voja de magnà,
‘na bottega che c’ha tutto
e ‘l vi’ bono c’è lì dal Brutto.
Lì da Tullio n’hi capido?
Què te sei rimbambido?

‘Na ragazza col canestro
va via co’ passo lesto:
nte la cesta c’ha ‘l bugado
l’va a lavà’ giù ‘l vallado,
e poi incontrà’ ‘l sagrestà’
che le candele va a appiccià’.

‘N altro mondo è le casette
graziose e piccolette,
metton dentro tanta pace
fatte a mattò della fornace
co’ ‘n mezzo lo scalò’
che fa da spartiziò’.

Se d’estate sgappi fora
e vai dalla lattarola
un “moretto” poi magnatte
e co’ ‘l gelado rinfrescatte
e poi vedè’ la televisiò’
lì ‘l bar de Mattiò.

Po’ se ‘spetti ‘l martedì
poi vedè’ i contadì’
che venne pummidori e ‘rbette
là de dietro le Casette.

L’amore n’è passado
pe’ s’antico caseggiato,
so’ rmaste sempre in diciassette:
il cor de Moie: le Casette!

Gennaio 2009
(Oscar Sartarelli)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*