Moie, un rave "…parti !?" per salutare Don Fabio | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Moie, un rave “…parti !?” per salutare Don Fabio

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MOIE – Si è svolto ieri il Don Fabio Rave …Parti !? una festa organizzata dalla parrocchia per ringraziare il parroco don Fabio Belelli dei suoi dieci anni di presenza a Moie. Una presenza iniziata nel 1984, da quando è stato nominato viceparroco da padre Oscar e che è stata una costante per la comunità.

In piazza un grande striscione di ringraziamento posizionato sulla facciata della chiesa ha accolto i tantissimi parrocchiani che sono passati per un saluto al parroco, anche la banda musicale L’Esina si è unita alla festa con un repertorio allegro di marcette e di musica leggera.

Su un maxi-schermo scorrevano le immagini più significative di questi dieci anni mentre don Fabio era richiesto da tutti per la foto ricordo della serata.

Un collegamento in videochiamata con alcuni parrocchiani in pellegrinaggio a Lourdes ha completato la serata che ha visto protagonisti i giovani Scout e di Azione Cattolica con la collaborazione di tanti che si sono messi a disposizione per l’organizzazione e nell’offrire dolci, torte salate, pizze e bevande per l’apericena.

Nel suo saluto il sindaco di Maiolati Spontini Umberto Domizioli ha ricordato alcuni eventi che si sono svolti in stretta collaborazione tra la parrocchia e il comune e ha ringraziato don Fabio per il suo stile semplice, cordiale e discreto con tutti.

Sabato 30 settembre alle 18,30 don Fabio inizierà il suo nuovo ministero di parroco di San Marcello e Monsano: l’accoglienza e la celebrazione del Vescovo Gerardo Rocconi saranno nella chiesa dell’ex convento di Montelatiere di San Marcello e saranno presenti anche numerosi parrocchiani di Moie per esprimere ancora il loro affetto e gratitudine uniti all’augurio di continuare a essere un riferimento per tante persone.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.