Monte Roberto e Castelbellino: "Avanti verso l'unione dei due Comuni" | Password Magazine

Monte Roberto e Castelbellino: "Avanti verso l'unione dei due Comuni"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

VALLESINA – I Comuni di Castelbellino e di Monte Roberto non conferiranno altre funzioni associate all’Unione dei Comuni della Media Vallesina entro il 30 settembre e si preparano ad un percorso di convenzione per l’esercizio associato di tutte le funzioni che porterà presto alla costruzione di un nuovo ente in cui saranno unite le macchine comunali dei due comuni“.

Questo il verdetto dei due Comuni sulla processo di Unione grande e condivisa tra i Comuni della Vallesina: “Un percorso condiviso tra le maggioranze dei due comuni è ormai concordato e presto passerà in discussione nei consigli comunali –  – dichiarano –  sarà esercizio convenzionato per tutte le funzioni associate dal gennaio 2015 nel pieno rispetto dei vincoli di legge. L’obiettivo è la riorganizzazione completa delle macchine comunali e delle unità organizzative  dei due comuni in un percorso condiviso con personale dipendente e sindacati. Dopo l’esercizio associato delle funzioni, a seguire, inizierà un percorso condiviso finalizzato alla nascita di una nuova Unione dei comuni nel biennio 2016/2017, per “comprendere e far comprendere” ad amministratori, dipendenti e cittadinanza che cosa significa unire amministrativamente due o più comuni, uniformando imposte, servizi, costi, tariffe, strumenti attuativi; in un percorso condiviso e non dettato da una mera scadenza di legge.

Una volta costruito un nuovo ente associato in cui i cittadini avranno preso consapevolezza dei cambiamenti, attiveremo un percorso che potrà portare o all’ampliamento dell’Unione o alla fusione dei comuni. Questa è la strada, seria, percorsa dalle maggioranze di Castelbellino e Monte Roberto in uno straordinario momento storico  di riforma degli enti locali che ne decreteranno il destino per i prossimi venti anni. Il percorso scelto dalle amministrazioni è esattamente quello scelto dagli elettori  appena pochi mesi fa.

Affermano i Sindaci dei due Comuni, Andrea Cesaroni Sindaco di Castelbellino e Gabriele Giampaoletti Sindaco di Monte Roberto: “Avremmo continuato molto volentieri  in un processo di Unione grande e condivisa come quella posta in essere in questi anni, ma in realtà l’Unione oggi esiste soltanto nei titoli come è oggettivamente osservabile esaminando la dotazione organica dell’ente. L’Unione dei Comuni finora è stato un luogo in cui svolgere alcune funzioni associate, ma ora tutto ciò non basta più alla luce del vincolo di legge per tutte le funzioni. Ciò è evidente anche nelle difficoltà di espletamento delle funzioni precedentemente assegnate all’Unione, a partire dalla polizia locale”.

I Sindaci continuano – “L’esercizio associato di tutte le funzioni comporta l’unione di tutte le macchine comunali, la ricerca di nuove sedi per gli uffici e le modifiche alle unità organizzative, la condivisione delle strutture, dei mezzi e delle risorse che tutti volevano nelle intenzioni ma che, nonostante lo sforzo profuso dal Presidente dell’Unione Mirco Brega in questi mesi per il raggiungimento dell’obiettivo, non hanno trovato riscontro nelle scelte politiche di fondo di tutti i Comuni. Preso atto che non c’è questa volontà comune, spesso proclamata, a questo punto, noi ci prendiamo la responsabilità politica di scegliere, assumendoci tutte le responsabilità del caso nei confronti dei nostri cittadini, ai quali vogliamo garantire un esercizio efficiente delle macchine comunali anche con l’esercizio associato delle funzioni che nel primo periodo avranno difficoltà ed emergenze sostanziali da affrontare.  Castelbellino e Monte Roberto inizieranno un percorso verso l’Unione  aperto, in primis, al Comune di San Paolo di Jesi, senza esitazioni, ma soprattutto senza rinvii dettati da singole esigenze comunali. Noi Sindaci le responsabilità ce le prendiamo tutte: i Comuni di Castelbellino e Monte Roberto non le rinviano al 2016 per comodità; ai nostri cittadini presenteremo le nostre intenzioni e i nostri programmi. I due comuni andranno avanti insieme, e presto, siamo convinti, che altri comuni seguiranno la nostra scelta. Per allora, sarà tutto molto più chiaro e le motivazioni della scelta troveranno un riscontro evidente”.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.