Monte Roberto: i Diritti dell'Infanzia raccontati ai bambini della scuola | | Password Magazine

Monte Roberto: i Diritti dell'Infanzia raccontati ai bambini della scuola

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MONTE ROBERTO – Lunedì 21 Novembre 2016, alle ore 10.30, presso la Scuola Materna “C. Collodi” di Pianello Vallesina si ricorderà la Giornata della Convenzione Internazionale sui Diritti dell’Infanzia  e dell’adolescenza. 

Una data importante, quella del 20 Novembre del 1989, allorquando, a New York, la Convenzione fu approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.
Altrettanto di rilievo la data del 1991 che vide l’Italia ratificare tale Convenzione.
In numero di 54 sono gli articoli che ricordano i Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza e fra essi, molto importanti, ma, al tempo stesso, non sempre realizzati in tutto il mondo, gli artt. 28 e 29 che semplicemente ricordano ad ogni bambino:
Art. 28 – Hai diritto di ricevere un’istruzione. Devi ricevere un’istruzione primaria e deve essere garantita. Dovresti poter andare anche alla Scuola Secondaria.
Art. 29 – Lo scopo della tua istruzione è di sviluppare al meglio la tua personalità, i tuoi talenti e le tue capacità mentali e fisiche. L’istruzione dovrebbe anche prepararti a vivere in maniera responsabile e pacifica, in una società libera, nel rispetto dei diritti degli altri e nel rispetto dell’ambiente.
Come si cercherà di comunicare ai piccoli alunni della Scuola Materna “C. Collodi” questi insegnamenti? Chi proverà a spiegare che quello di andare a scuola è un loro diritto?
Ebbene, alla presenza di alcuni rappresentanti dell’Amministrazione Comunale di Monte Roberto, della Dirigente scolastica Maria Luisa Cascetti e delle Docenti, la Signora Anna Rizzitelli, che già da tempo, volontariamente, intrattiene i bambini con le sue letture animate, avvalendosi delle sue abilità comunicative, leggerà loro dei passi tratti da “PINOCCHIO”, la famosa opera nata dalla penna di Carlo Collodi, autore dal quale prende il nome proprio la nostra scuola.
I bambini apprenderanno dalla voce e dalla mimica di Anna dell’arrivo di Pinocchio e di Lucignolo nel Paese dei Balocchi dove è sempre festa, tutto un gioco, senza scuola. A chi non piacerebbe sentirsi fare la proposta fatta a Pinocchio di andare nel Paese dei Balocchi?
Eppure, da prosieguo della storia, quando i nostri piccoli alunni sapranno che Pinocchio si sentirà dire:”… che tutti quei ragazzi svogliati che, pigliando a noia i libri, le scuole e i maestri, passano le loro giornate in balocchi, giochi e in divertimenti, debbono finire prima o poi col trasformarsi in tanti piccoli somari…” i nostri alunni, dicevo, impressionati dal poter divenire dei “ciuchini”, magari capiranno l’importanza del loro andare a scuola e del loro apprendere, giocando con i compagni e le maestre, tante belle ed utili cose.
E, per finire di parlare del Diritto dell’Educazione, è bello ricordare una poesia, a tema, di Bruno Togliolini:
“ Se mi insegni, io lo imparo
Se mi parli, mi è più chiaro
Se lo fai, mi entra in testa
Se con me tu impari, resta.”

Da Assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Monte Roberto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.