Monte Roberto, il sindaco uscente Giampaoletti accetta la sfida alle urne e tenta il bis

MONTE ROBERTO – Gabriele Giampaoletti, sindaco uscente al Comune di Monte Roberto, è pronto ad affrontare la nuova sfida elettorale proponendosi per un secondo mandato a capo della Giunta con la lista Insieme per Monte Roberto: «La mia disponibilità per un secondo mandato da sindaco, maturata dopo un’attenta riflessione, mi porta molto indietro nel tempo quando già a vent’anni, dopo essermi fidanzato con colei che poi sarebbe diventata mia moglie, ho iniziato a partecipare alla vita attiva del paese insegnando e facendo il direttore della banda musicale di Monte Roberto. Credendo molto nell’associazionismo, sono stato poi Presidente della Pro Loco per tre anni e forse è proprio in quel momento che sono state poste le basi per il mio impegno civico – fa sapere Giampaoletti –  All’inizio del mio percorso, in concomitanza con chi mi trasmetteva entusiasmo, ho avuto anche chi mi ha messo in guardia sugli aspetti meno entusiasmanti dell’impegno politico vissuto in una piccola comunità come la nostra».

Dopo una prima legislatura Giampaoletti tenta il bis: Ora, dopo cinque anni di mandato, conoscendo bene gli aspetti dell’attività amministrativa e le problematiche dei miei concittadini, sono molto felice di aver preso questo impegno nei loro confronti. Lo sono perché l’attività di un sindaco, di un assessore o di un consigliere comunale, anche se ti espone a grandi rischi che spesso non vengono riconosciuti, viene ancora apprezzata e valorizzata nel momento in cui ti metti a disposizione ascoltando e cercando di risolvere i problemi. Girando per il paese  o quando sei in farmacia, alle poste, al bar o al supermercato e la gente viene a dirmi dei lampioni rotti, delle buche sulla strada, della neve che non è ancora stata tolta, dell’erba troppo alta, della raccolta dei rifiuti, io vado a vedere, faccio un giro per capire meglio cosa fare, perché in un piccolo paese ci si metti la faccia ed il giudizio dei cittadini diventa facilmente un passaparola. La mia ricandidatura quindi, è figlia di un percorso iniziato tanti anni fa al quale non posso sottrarmi. Non posso farlo perché, con determinazione, voglio portare a termine i progetti avviati, ma soprattutto non posso farlo perché amo questa comunità nella quale ho deciso di vivere e di far crescere i miei figli».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*