Monte Roberto, l’ex sindaco Livio Togni replica all’attacco di Giampaoletti

MONTE ROBERTO – L’ex sindaco del Comune di Monte Roberto Livio Togni e ora consigliere comunale di minoranza uscente scrive una lettera di replica all’articolo inviato dall’Amministrazione Giampaoletti e pubblicato su Password qualche giorno fa:

«Non comprendo il motivo per il quale un sindaco, a fine mandato, nel presentare i dati del bilancio consuntivo 2018, abbia la voglia e il desiderio di attaccare un componente della minoranza,
precisamente il sottoscritto, sulla partecipazione ai consigli della “inutile e dannosa” Unione dei
Comuni di Castelbellino e Monte Roberto. La mia contrarietà a questa Unione l’ho espressa subito, sin dai primi istanti della sua creazione e non mi presto a “giochini indegni”, partecipando a consigli “inutili”, che non servono a fare altro che approvare supinamente ciò che è stato deciso nella giunta dell’Unione dai rappresentanti di Castelbellino. Del resto l’inutilità della componente amministrativa del comune di Monte Roberto è certificata in maniera lampante dai componenti della sua giunta nell’Unione (uno contro i due di Castelbellino), che probabilmente ha testimoniato con la sua assenza (su 37 giunte ha partecipato solo 5 volte) la sua contrarietà alla scelta da lei fatta di annettere Monte Roberto a Castelbellino e l’inutilità della sua presenza. Ho vissuto attivamente e in prima persona quasi 50 anni della vita amministrativa di Monte  Roberto, 20 dei quali da Sindaco. Non credo di aver fatto tutto ottimamente, sicuramente potevo fare di più e meglio e come tutti ho i miei difetti. Ma di una cosa sono certo. Non avrei mai “svenduto” il comune di Monte Roberto. Non avrei mai consegnato le chiavi del municipio ad altri amministratori, di altri comuni. In questi 50 anni ho visto, fatto, analizzato, criticato e approfondito tantissimi progetti, tantissime ipotesi di gestione amministrativa e di riorganizzazione. Mai avrei pensato di assistere a quello che è successo in questi ultimi 5 anni. Mai il comune di Monte Roberto ha vissuto una situazione così grave di mancanza di rappresentanza e rappresentatività.
Se dovessi pensare ad uno slogan consuntivo di questo periodo amministrativo sintetizzerei con
“NESSUN RISPETTO PER I CITTADINI + COSTI E DEBITI PER TUTTI”. Non male per una amministrazione di CentroSinistra, che si ripresenta alle elezioni con tanti tesserati PD e
componenti di Sinistra. In questi giorni qualche amministratore cerca di distrarre con roboanti risultati, tipo la rotatoria di Ponte Pio, come se fosse un successo di questa Amministrazione o i lavori presso la scuola elementare, 150.000€ a fondo perduto presi dalla mia precedente amministrazione grazie
all’impegno di assessori competenti, seri e capaci. Per questo, carissimi concittadini, in vista delle prossime elezioni amministrative che, tra l’altro, coincideranno anche con le Europee, vi chiedo di fare attenzione, riflettere liberamente, senza pregiudizi o oramai non più attuali ideologie politiche, scegliendo “PERSONE” che sono state/sono/saranno in grado di gestire al meglio il nostro Comune, nel massimo rispetto di Tutti Noi. Con questo auspicio ringrazio immensamente tutti voi Cittadini di Monte Roberto, passati, presenti e futuri, per il rispetto, la considerazione, la fiducia, l’amicizia e l’affetto che mi avete donato in questi quasi 50 anni di vita, certo di aver AMATO e AMARE Monte Roberto da SEMPRE».

In suo supporto una seconda lettera firmata da altri ex amministratori: Roberto Panfoli detto “Ermanno” (vice sindaco e assessore al bilancio comune di Monte Roberto dal 1990 al 2004); Antonio Gabbianelli detto “Tonello” (assessore comune di Monte Roberto dal 1990 al 2004) Renato Contadini, assessore comune di Monte Roberto dal 1990 al 2004.

“Caro sindaco,

non è mai di buon gusto attaccare le singole persone da una posizione di vantaggio.

Certo che se lei avesse spiegato le motivazioni dell’uscita da una unione di otto comuni per farne una a due, magari ci sarebbe stato più interesse.

Se in questa unione il comune di cui lei è sindaco pro-tempore non fosse in condizione di sudditanza, ci sarebbe stata più partecipazione.

Se la sede dell’unione, i responsabili, le scelte operative non fossero totalmente demandate ad un altro comune, forse le presenze sarebbero state più frequenti.

Del resto, quando un ente o una funzione diventa inutile, restano solo le liturgie, e non tutti sono disposti a fare un atto di pura testimonianza.

Le ricordiamo che nella giunta dell’unione, dove si prendono le decisioni, i rappresentanti di Monte Roberto sono 2, quelli di Castelbellino 3, quindi, sempre in minoranza. Non punti il dito sulle assenze della minoranza visto che uno dei due componenti della sua giunta ha partecipato solo 5 volte su 37, dimostrando nei fatti l’inutilità della sua presenza  e  la contrarietà alle scelte da lei fatte.

Se permette, a volo d’aquila, le elenchiamo brevemente 8 delle tante opere che ha realizzato l’ex sindaco Togni:

Ha evitato che gli abitanti del capoluogo cadessero nella voragine di piazza Ruggeri, lasciata abbandonata per decenni, ha provveduto a illuminare il capoluogo con un nuovo impianto, ha ridato una degna “casa” ai defunti del capoluogo, ha completamente ristrutturato il municipio, quello stesso che lei sta per dismettere, visto che in due anni è stato utilizzato per soli 14 consigli, un po’ pochini vero?

Forse  lei non lo sa, ma a Pianello sono stati fatti milioni di euro di investimenti. E’ grazie a Livio,  se villa Salvati è stata completamente ristrutturata, se mezzo paese non si allaga più, grazie ad un intervento per milioni di euro, se il centro è stato liberato da costruzioni fatiscenti, se c’è una delegazione nuova, priva di barriere architettoniche.

In compenso, nonostante i finanziamenti e le opere che ha trovato avviate, lei non è riuscito, in 5 anni, ad inaugurare il teatro del capoluogo, che gli è stato servito su un piatto d’argento proprio da quell’ex sindaco che lei dileggia.

Potremmo continuare, ma ci limitiamo ad archiviare il suo intervento giornalistico tra le tante piccinerie che hanno caratterizzato la sua amministrazione”.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*