Monte Roberto, sciolta l'Unione con Castelbellino | | Password Magazine

Monte Roberto, sciolta l’Unione con Castelbellino

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MONTE ROBERTO – Lo scioglimento dell’Unione dei Comuni di Castelbellino e Monte Roberto si è compiuto. Ad ufficializzare la notizia è il Comune di Monte Roberto, a seguito del Consiglio comunale di sabato scorso:

«Sono stati giorni molti intensi questi che hanno segnato il primo mese della nostra Amministrazione – fa sapere il sindaco di Monte Roberto Stefano Martelli – Come detto e scritto in campagna elettorale, abbiamo immediatamente affrontato il primo punto delle nostre priorità, la rivalutazione e riconsiderazione dell’Unione dei Comuni di Castelbellino e Monte Roberto. Abbiamo seguito un percorso logico iniziando con lo studio e l’analisi dei dati disponibili per circa 2 settimane, proseguendo con la convocazione di un tavolo tecnico con i rappresentanti/responsabili di Castelbellino e dell’Unione che si è tenuto il 21 giugno, continuando con l’assemblea pubblica del 28 giugno e concludendo con il Consiglio comunale di sabato 29 giugno».

Un percorso serrato, con tempistiche e metodologie imposte da uno statuto considerato «carente e con diverse criticità e diatribe interpretative».

Si chiude così un rapporto di gestione associata di servizi e funzioni avviato nel 2016: «La nostra scelta, per ragioni di tempestività, efficacia ed efficienza, è ricaduta sullo scioglimento dell’Unione utilizzando l’art.8 c.2 dello statuto, ovvero non procedendo alla nomina dei componenti del consiglio dell’Unione – continua l’Amministrazione monterobertese – Comprendiamo che questa scelta possa turbare chi questa Unione l’ha fortemente voluta, ma, a nostro avviso, non c’erano e non ci sono le condizioni per proseguire in questo modo e abbiamo dato la nostra disponibilità ad avviare un percorso che porti alla fusione dei 2 comuni, anche qui per ragioni di efficacia, efficienza, concreta economicità/vantaggiosità e reale partecipazione. Da questo momento inizia la fase di liquidazione dell’Unione con la necessità di nominare un commissario liquidatore che potrà/dovrà essere scelto tra i 2 Sindaci e che potrà durare al massimo 6 mesi. Confidiamo che questa fase possa svolgersi nel migliore modo e garantiamo la nostra totale disponibilità, collaborazione, serietà e rispetto dei ruoli al fine di individuare immediatamente e in modo concordato il commissario liquidatore e procedere tempestivamente al rientro, nei rispettivi comuni di appartenenza, del personale e delle funzioni trasferite. Ci auguriamo, pertanto, che i rappresentanti/responsabili di Castelbellino che coincidono per lo più anche con quelli dell’Unione, agevolino questa fase con gli stessi comportamenti e gli stessi valori al fine di non creare disservizi e disagi a nessuno, nel rispetto primario del Bene Comune e garantendo gli interessi di tutti i Cittadini».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.