Monte San Vito: identificato e denunciato il danneggiatore seriale di auto | | Password Magazine
Banner4Baffi

Monte San Vito: identificato e denunciato il danneggiatore seriale di auto

 

MONTE SAN VITO – E’ stato identificato e denunciato dai carabinieri della Stazione di M onte San Vito, diretti dal Maresciallo Salvatore Pazienza, l’autore dei ripetuti e gravi danneggiamenti ai danni di almeno una venticinquina di autovetture. Si tratta di un 40enne del posto, celibe  in cerca di prima occupazione, che ha confessato gli atti vandalici di Monte San Vito e si è reso disponibile a risarcire ogni danno causato. Su di lui, sin dai primi momenti, si erano concentrate le indagini dei carabinieri. Determinante la collaborazione dei cittadini: un monsanvitese infatti, ha chiamato la stazione di Monte San Vito raccontando di sentire da casa del vicino il rumore di una mola che era sempre accesa. Acquisiti gli indizi nei suoi confronti, i militari hanno avviato una serie di attività tecniche anche con l’istallazione di telecamere in alcune zone strategiche della città, unitamente a lunghi servizi di pedinamento. Grazie alle telecamere l’uomo è stato individuato mentre danneggiava con un arnese appuntito la carrozzeria di una Mercedes. Ieri mattina il blitz: l’abitazione del danneggiatore seriale  è stata perquisita alla ricerca di tracce e cose pertinenti al reato. Durante l’interrogatori il 40enne ha confessato i danneggiamenti di Monte San Vito, almeno venticinque in circa 15 giorni, giustificando il suo comportamento come un atto di legittima reazione ai danneggiamenti da lui subiti ad opera di ignoti sulla sua precedente e attuale autovettura, e alla violazione di domicilio che però non ha mai denunciato. Questo lo ha indotto a danneggiare tutte le auto di coloro che aveva visto aggirarsi in prossimità della sua macchina. Ai carabinieri ha detto di essere pentito e di essere disposto a risarcire i danni arrecati (si stima sui 20mila euro almeno) con un grosso chiodo, che avrebbe appuntito con la mola. Dell’arnese, che ha letteralmente squarciato pneumatici e bucato le carrozzeria, nessuna traccia. L’uomo infatti, ha ammesso di essersene disfatto domenica scorsa. Ora nei suoi confronti è stata redatta una copiosa informativa alla Procura della Repubblica di Ancona dove vengono contestati i reati di danneggiamento aggravato continuato. Agiva sia di giorno che di notte, in prossimità delle abitazioni dei proprietari delle auto. Le indagini dei carabinieri si stanno concentrando anche su altri sette danneggiamenti avvenuti a Chiaravalle. Lo stesso Giovanni Bolli, responsabile del gruppo Volontari di Protezione Civile di Monte San Vito, secondo gli inquirenti sarebbe una vittima e il danneggiamento alla sua auto nulla ha a che vedere con la lettera minatoria che ha ricevuto in passato.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.