Monte San Vito, RSA decorata per Halloween: «Normalità anche nell'emergenza» | Password Magazine

Monte San Vito, RSA decorata per Halloween: «Normalità anche nell’emergenza»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MONTE SAN VITO – Sospese le visite alla residenza orotetta «E. Medi» di Monte San Vito. Lo fa sapere l’Amministrazione comunale, a seguito della decisione condivisa con la Cooperativa KCS Caregiver al fine di tutelare al massimo ospiti e personale.

«Al fine di rendere meno difficoltoso questo periodo, e vista l’esperienza e i risultati ottenuti nei mesi scorsi, permetteremo visite protette “in presenza” – si legge nella comunicazione del Comune -. Infatti, si sta allestendo un apposito spazio al piano terra dove si potranno incontrare parenti e ospiti in totale sicurezza, al chiuso (vista la stagione) e con l’ausilio di un microfono/altoparlante. Una iniziativa che da una parte tutela la salite e dall’altra permette un contatto visivo per una “normalità” anche in una situazione di emergenza. Un grazie come sempre a tutte le operatrici/operatori sanitari/e e alla coordinatrice Tiziana Beltempo, ai familiari e alla Cooperativa KCS Caregiver».

Nel frattempo, anche alla Residenza Protetta si festeggia Halloween con decorazioni a tema che rendono l’atmosfera più leggera e festosa.

Secondo i dati comunicati dal sindaco Thomas Cillo, in data 27 ottobre le persone sottoposte a quarantena nel Comune di Monte San Vito erano 18, 10 i casi positivi al tampone.
«Tutti si trovano in buone condizioni di salute e non risultano criticità» aveva precisato il Primo cittadino.

Halloween, no “dolcetto o scherzetto” per le case

Su Halloween, il sindaco aveva già espresso giorni fa alcune considerazioni:

«Tale festa porta i bambini a recarsi casa per casa per raccogliere “dolcetti o scherzetti”. Alcuni genitori chiedono se tale attività potrà effettuarsi.  Ritengo che la situazione, con l’attuale aumento progressivo degli ultimi giorni di casi positivi e di quarantene sul nostro territorio, imponga la massima attenzione e quindi il limitare quanto più possibile il pericolo di contagi. Mandare i bambini e i ragazzi in giro non credo sia opportuno nonostante vengano adottate tutte le precauzioni in quanto questo, li espone a un potenziale rischio che per quest’anno, ritengo si possa anzi, si debba evitare» .

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.