Montecappone, unire oltre le differenze | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Montecappone, unire oltre le differenze

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Emozionante commemorazione ieri pomeriggio al cippo di Montecappone per ricordare l’eccidio dei sette giovani che il 20 giugno 1944 sono stati catturati, torturati e uccisi dai nazifascisti. La 73esima commemorazione è iniziata con il Silenzio suonato da David Uncini, poi il sindaco Massimo Bacci: “Il nostro Paese sta vivendo un momento di grande difficoltà, la memoria di questi giovani fa pensare a quanto sia semplice fare un salto nel buio”.

Il più grande dei sette giovani uccisi aveva 25 anni, la storia di quel giorno è stata raccontata da Riccardo Ciampichetti, studente del Liceo Da Vinci. A chiudere la commemorazione è stato il senatore Luigi Manconi: “Parlare di Resistenza significa creare unità, significa parlare di valori robusti che sono alla base della nostra Costituzione. Chi non ricorda il passato è condannato a riviverlo con i suoi orrori e i suoi dolori”. Il senatore, presidente della Commissione straordinaria per la tutela e la promozione dei diritti umani, ha quindi sottolineato “il grande impegno dell’Anpi, vivo e attuale” e ricordato “l’atroce assassinio di Giulio Regeni” spiegando che “l’inerzia del nostro Paese nel conoscere i mandanti dell’omicidio è in qualche modo dovuta al fatto che manca una legge contro la tortura”. La commemorazione si è conclusa con “Bella Ciao” cantata dalla folla composta da autorità civili e militari.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.