Monumento Pergolesi, si scaldano gli animi in Consiglio. Sul referendum è questione di tempo


JESI – Sarà il Consiglio comunale a nominare un tecnico e quindi a dare il via all’iter per la valutazione del referendum. Lo ha detto il sindaco Massimo Bacci nell’odierna seduta. Il problema è che per fare il referendum è necessaria una modifica allo statuto comunale: allo stato attuale infatti, per l’ammissibilità della consultazione, è richiesto l’intervento di un Comitato di Garanti tra cui il difensore civico, figura soppressa da anni.
“La figura del difensore era nominata dal Consiglio: sia così anche per quel tecnico che ne dovrà prendere il posto nel comitato” ha proposto Bacci che ne ha parlato con altri consiglieri di maggioranza, dichiarandosi disponibile a mettere mano al vecchio statuto. Il sindaco si è tolto un sassolino dalla scarpa nei confronti del comitato “Nessuno tocchi Pergolesi”, in aula per dare il via alla annunciata raccolta firme contro lo spostamento: “Su Facebook scrivono che questo del monumento è “l’ennesimo stupro dell’amministrazione Bacci” però sostengono di non essere una formazione politica”. Sulla questione del monumento è intervenuto anche il consigliere Cesare Santinelli: “Questo referendum non si deve fare, è vergognoso. I soldi impiegati per questo progetto non possono essere spesi diversamente, allora perché non ci  si è pensato prima? Stiamo parlando di una statua, credo che vada collocata dove più consona”.

Timori da parte di Massimo Gianangeli, consigliere del Movimento 5 stelle, che ha presentato in Consiglio la mozione per sospendere le procedure per 60 giorni, tempo utile alla raccolta delle 2000 firme necessarie ad indire un referendum. Prima di lui, l’interpellanza del consigliere Francesco Rossetti (PD) che chiedeva al sindaco chiarimenti in merito all’intervento di riqualificazione della piazza e la scelta di arretrare il monumento.

“Temo che i tempi per aggiornare il regolamento siano stretti, che non si faccia in tempo ad arrivare al referendum, legittimo in democrazia – ha detto Gianangeli –  Intanto la procedura è andata avanti, allora bisogna avere la possibilità di sospendere la gara per l’assegnazione e attendere l’esito del confronto democratico”. Matteo Marasca per il Pd: “Accelerare va bene: cerchiamo di bloccare la procedura altrimenti se va avanti poi non ha più senso fare il referendum”. La questione ha scaldato gli animi. La mozione di Gianangeli “lavori per il restyling di Piazza Pergolesi e per l’arretramento del monumento dedicato al compositore” è stata bocciata con 6 voti favorevoli e 14 contrari, nessun astenuto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*